facebook rss

Ponte Rubbianello,
eseguito il collaudo statico

VALDASO - L'atteso traguardo della nuova struttura sulla Provinciale 238 è stato tagliato per la soddisfazione di utenti e residenti. Tra qualche settimana la riapertura al traffico

 

L’atteso traguardo finale è stato tagliato. Si è svolto oggi, giovedì 22 aprile, il collaudo statico del Ponte Rubbianello, l’imponente struttura sulla strada provinciale 238 Valdaso.

Ora, tempo qualche settimana, è verrà riaperto al traffico per la gioia dei residenti di numerosi centri della zona e degli utenti che ogni giorno potranno attraversare questo fondamentale collegamento tra le province di Ascoli e Fermo situato sopra al fiume Aso.

Le prove di carico sono state eseguite dai tecnici di una ditta specializzata in questo tipo di rilievo e certificazioni, con il supporto dell’impresa costruttrice “Beani”, sotto la supervisione del dirigente del Servizio Viabilità della Provincia di Ascoli (ingegner Antonino Colapinto), del direttore dei lavori (ingegner Gianluigi Capriotti) e del collaudatore (ingegner Paolo Morganti).

Sergio Fabiani

Per le prove di carico sono stati utilizzati ben sei camion a pieno carico, ciascuno pesante 42 tonnellate. Sono così state monitorate e misurate le “reazioni” delle due campate più interessate, con le rispettive mensole, alle sollecitazioni del traffico potenziale sulla infrastruttura. E’ stata riprodotta la situazione di massimo sforzo potenzialmente raggiungibile dalla struttura in condizioni di estrema sollecitazione.

«Siamo giunti al termine di un percorso complesso e travagliato che ha visto la Provincia di Ascoli impegnata con grande volontà operativa, in sinergia e concretezza con le altre istituzioni coinvolte, per realizzare questa opera fortemente attesa dalle comunità – le parole di Sergio Fabiani, presidente della Provincia – ringrazio i colleghi sindaci, i tecnici della Provincia e l’impresa incaricata che hanno conseguito questo importante risultato».

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X