facebook rss

Gatta sbattuta contro un muro,
48enne condannato

L'UOMO era imputato al Tribunale di Macerata per maltrattamenti. La sentenza: due mesi di reclusione

gatta

 

Maltrattamenti a una gatta, condannato a due mesi un 48enne che vive a Matelica (Macerata).

L’uomo, D. P., originario di Fabriano (Ancona) è finito sotto accusa al Tribunale di Macerata.

Il pm Francesca D’Arienzo ha chiesto una condanna a 4 mesi.

L’uomo l’8 gennaio del 2018 aveva trovato una gatta per strada. All’inizio l’aveva tenuta in braccio. Però poi, dice l’accusa, all’improvviso l’avrebbe presa per la coda e avrebbe iniziato a sbattere l’animale con violenza contro un muro. Poi avrebbe abbandonato la gatta in strada, lasciandola agonizzante.

Nel corso del processo, che si è svolto con rito abbreviato davanti al giudice Daniela Bellesi, l’imputato ha detto di non ricordare quello che era successo. Il 48enne è difeso dall’avvocato Maurizio Diociaiuti. Oggi la sentenza, il 48enne dovrà anche risarcire alla proprietaria le spese mediche per curare la gatta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X