facebook rss

Ascoli Calcio, l’agente Paloni
ricorre contro la società
per presunte prestazioni
non pagate

SERIE B - La società di management Football Trade ha presentato un'istanza di arbitrato avente come oggetto il trasferimento di Kupisz al Bari nel luglio 2019. Sulla questione si pronuncerà il Collegio di Garanzia del Coni, che già lo scorso anno esaminò un caso analogo riguardante la società bianconera

 

A due settimane dal termine del campionato è arrivata una grana giuridica in casa Ascoli Calcio. Nelle prossime settimane la società di Corso Vittorio dovrà difendersi presso il Collegio di Garanzia del Coni per un’istanza di arbitrato presentata dall’agenzia di intermediazione calcistica “Football Trade” rappresentata dal procuratore sportivo Paolo Paloni. La richiesta presentata da quest’ultimo ha come oggetto la trattativa – poi andata in porto – che ha portato Tomasz Kupisz al Bari nel luglio del 2019. Nell’operazione in questione, secondo quanto denunciato dall’agenzia, Paloni avrebbe svolto un ruolo attivo per il quale l’Ascoli non avrebbe sborsato il corrispettivo economico pattuito.

Tomas Kupisz al centro del contenzioso

La notizia è stata data sul sito del Coni il 21 maggio: «Il Collegio di Garanzia dello Sport – si legge nel comunicato – ha ricevuto un’istanza di arbitrato (ex art. 22, comma 2, del Regolamento Agenti Sportivi del CONI) da parte della Football Trade S.r.l., in persona dell’Agente Sportivo, Amministratore Unico e Legale Rappresentante, con poteri di gestione, sig. Paolo Paloni, contro la società Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., in virtù del contratto di mandato, sottoscritto in data 11 luglio 2019, dalla suddetta istante per la cura degli interessi della predetta società intimata, prestando, in particolare, opera di consulenza/assistenza e intermediazione nelle trattative dirette alla conclusione del trasferimento e relativa cessione del contratto del calciatore Tomasz Kupisz Mateusz».

L’agente Paloni è stato spesso vicino alle sorti dell’Ascoli in sede di calciomercato, soprattutto nel primo anno e mezzo della gestione Pulcinelli con Antonio Tesoro come direttore sportivo.

Dalla sua “batteria” di assistiti sono arrivati ad esempio calciatori come Nikola Ninkovic, Davide Petrucci, Davide Frattesi, Luca Ranieri e Gianluca Scamacca. Tra l’attaccante classe 1999 attualmente in forza al Genoa – 13 gol in bianconero nella stagione 2019-2020 – e la suddetta società di management calcistico è in corso un contenzioso simile, aperto dopo l’interruzione del rapporto professionale tra le parti avvenuto negli scorsi mesi.

Il fatto verrà accertato dal massimo organo di giustizia sportiva, che circa un anno fa si pronunciò su un caso analogo promosso dall’agenzia TMP Soccer riguardante una consulenza relativa al passaggio di Raffaele Pucino all’Ascoli. In quel caso la società bianconera fu condannata a pagare una cifra di 35.000 euro, più 9.000 di interessi moratori e spese legali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X