facebook rss

Si oppone allo sfratto
brandendo un coltello:
arrestato 60enne ascolano

ASCOLI - L'uomo prima ha insultato l'ufficiale giudiziario incaricato di eseguire l'ordine del Tribunale. Poi ha afferrato l'arma per auto lesionarsi e minacciare  Vigili Urbani e Carabinieri del Norm arrivati in ausilio

Immagine di repertorio

Si oppone all’ufficiale giudiziario che deve mandarlo via da casa, poi afferra un coltello, si ferisce e minaccia le forze dell’ordine arrivate in soccorso: arrestato.

E’ accaduto ad Ascoli, dove un uomo di 60 anni ha reagito con violenza alla visita dell’ufficiale giudiziario che, accompagnato dai Vigili Urbani, doveva eseguire l’ordine di rilascio dell’immobile, emesso dal Tribunale.

Il 60enne, già noto alle forze dell’ordine, palesemente agitato e con la chiara intenzione di non volersene andare da lì, ha iniziato ad offendere ed insultare l’ufficiale giudiziario, tanto che si è reso necessario l’intervento dei Carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Ascoli.

Quando l’uomo ha capito di non potersi più opporre al provvedimento, con un gesto fulmineo, ha afferrato un coltello a serramanico con il quale, prima si è inferto alcune lievi ferite agli avambracci e successivamente ha cercato di colpire i militari e gli agenti della Polizia Locale che in tutti i modi hanno cercato di farlo desistere dall’auto lesionarsi.
I militari, tuttavia, sono riusciti a cogliere un momento di distrazione dell’uomo per bloccarlo mentre ancora brandiva il coltello, disarmarlo e successivamente trarlo in arresto.

Sull’uomo pesano le accuse di violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.
Il sessantenne, medicato sul posto e comunque non grave, è stato posto agli arresti domiciliari in una struttura di accoglienza temporaneamente messa a disposizione dal Comune di Ascoli.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X