Quantcast
facebook rss

«La Regione Marche investa
su studio e formazione»

ASCOLI - Sono le parole di Maria Stella Origlia, coordinatrice provinciale di Italia Viva, sull'assegnazione di 1,5 miliardi di euro agli Its, previsto nel Pnrr. «Anziché pensare ai divieti sulla pillola abortiva e alla efficacia vaccinale, si pensi piuttosto al futuro educativo, formativo ed occupazionale dei giovani marchigiani».
...

 

Maria Stella Origlia di Italia Viva

«La Regione Marche si impegni nell’individuazione di percorsi formativi competitivi, in settori strategici, non escludendo quello dell’innovazione tecnologica, del digitale e dell’ambiente». Così Maria Stella Origlia, coordinatrice provinciale Ascoli di Italia Viva, sull’assegnazione di 1,5 miliardi di euro agli Its, previsto nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, stimando un fabbisogno di diplomati pari a 3 milioni di giovani per il quinquennio 2019-2023.

«Le Marche sono molto indietro nel settore mentre in altre regioni (Emilia, Lombardia e Veneto) i tassi di occupazione al termine di tali percorsi formativi sono altissimi, compresi fra l’80 e il 90 per cento. Centraleafferma la Origlia, ricordando il ruolo dell’onorevole Toccafondi, di Italia Viva, relatore del testo unificato della proposta di legge, approvato in prima lettura dalla Camerae strategico è il ruolo delle Regioni nell’elaborazione di progetti che investano nella formazione tecnica superiore e nell’innovazione».

«Per fare ciò – continua la coordinatrice del partito  – occorre che l’assessorato all’Istruzione e alla Formazione, di concerto con chi gestisce le politiche del lavoro, si attivi a che si inneschi una seria interlocuzione con il mondo dell’impresa, quello accademico e scolastico, delle associazioni di categoria, per redigere un dossier su cui costruire progetti e percorsi virtuosi, competitivi, innovativi, tali da attrarre le necessarie risorse previste nel PNRR da assegnare a ciascuna regione.
A tal proposito chiediamo con forza al presidente Acquaroli un impegno straordinario affinché avvii da subito un tavolo di coordinamento che si metta al lavoro su un settore così importante e strategico per le Marche.

Italia Viva, come già accaduto in Parlamento, si mette a disposizione per implementare e sviluppare un lavoro serio e virtuoso, volto alla realizzazione di un sistema che finora, la compagine politica di questa Amministrazione regionale, non ha neanche menzionato. Una Regione che non investe studio e competenze su un settore così strategico è destinata a retrocedere in pochi anni a fanalino di coda delle regioni italiane, obbligando i propri giovani ad emigrare altrove.
Anziché pensare ai divieti sulla pillola abortiva e alla efficacia vaccinale sui giovani, si pensi piuttosto al futuro educativo, formativo ed occupazionale dei giovani marchigiani».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X