Quantcast
facebook rss

Covid, “Madonna del Soccorso”
Cinque ricoverati: 4 non vaccinati
ed uno ha ricevuto la prima dose

CORONAVIRUS - Si tratta di 2 pazienti in Rianimazione, residenti fuori provincia, e 3 nella Murg (del Piceno). Viviani sulla situazione negli ospedali dell'Area Vasta 5: «Obbligo di green pass per tutti i visitatori. Guardia altissima e gran lavoro in entrambe le strutture»
...

 

di Maria Nerina Galiè

L’aumento dei contagi nei Piceno desta meno preoccupazione che in altre province marchigiane in questi giorni. Ma il rischio che cresca la domanda di cure ospedaliere è sempre in agguato, mettendo a rischio la zona bianca. Oltre al tasso cumulativo dei positivi su 100.000 abitanti – che nelle Marche oggi, 10 agosto, ha toccato quota 79 – a fare la differenza è l’indicatore sui posti letto per Covid occupati. I vertici regionali precisano che un cambio di zona è esclusa, adesso, per le Marche ed oggi il Servizio Sanità regionale registra meno due ricoveri, quindi il quadro sembra migliorare.

Vietato allentare, tuttavia, la tensione negli ospedali, anche del Piceno, dove la guardia deve essere sempre altissima.

Resta attivo il doppio percorso al Pronto Soccorso di entrambe le strutture, con aggravio di lavoro per gli operatori, già ridotti all’osso per via delle ferie.

Giancarlo Viviani

«Soprattutto al “Madonna del Soccorso”, la situazione è piuttosto critica. A San Benedetto la popolazione si è triplicata e gli accessi aumentati di conseguenza». A dirlo è il dottor Giancarlo Viviani, direttore facente funzione del presidio unico ospedaliero dell’Area Vasta 5.

«Da oggi inoltre – continua il direttore – è obbligatorio il green pass per i visitatori dei ricoverati, riammessi solo a metà luglio e con regole ben precise: mascherina, misurazione della temperatura, tempo a disposizione non più di 15 minuti, una sola persona alla volta per camera ed ora, appunto, l’obbligo di esibire la certificazione verde».

Poi ci sono i reparti Covid da gestire.

L’ingresso del Pronto Soccorso del “Madonna del Soccorso”

All’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto, al momento, ci sono 5 persone ricoverate.

Due sono in Rianimazione e non risiedono nel Piceno. Sono 3, infatti, nel reparto sambenedettese, i posti letto lasciati a disposizione della rete regionale per i pazienti Covid più gravi.

Tre persone, del Piceno stavolta, sono alla Murg dell’ospedale, dove è stata lasciata una stanza a disposizione di pazienti in osservazione. Questi 3 pazienti hanno uno di circa 30 anni, uno è sui 50 e l’altro intorno ai 60.

Il 50enne ha ricevuto una sola dose di vaccino. Nessuno degli altri 4 (compresi i 2 della terapia intensiva) è vaccinato. 

Il paziente di 30 anni sarà ricoverato in un reparto ordinario che dovrebbe essere al “Murri” di Fermo, in ragione del piano regionale. Gli altri due devono essere ulteriormente valutati.

«Utenti vaccinati e con sintomi, poi risultati positivi, sono arrivati al Pronto Soccorso degli ospedali del Piceno – precisa il dottor Viviani – almeno un paio a memoria. Ma poi sono stati rimandati a casa poiché le loro condizioni non richiedevano il ricovero. Riporto la casistica dell’Area Vasta 5 fino ad ora. Non posso fare previsioni per il futuro. Da medico so che una piccolissima percentuale di utenti può non rispondere ai vaccini».

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X