Quantcast
facebook rss

Persone con disabilità allo stadio,
l’Ascoli mette a disposizione
100 biglietti per ogni partita

ASCOLI - Promotori il Club bianconero, l'Amministrazione comunale e la Consulta per la disabilità. Si comincia con Ascoli-Lecce del 16 ottobre. Iniziativa presentata a Palazzo Arengo
...

Il dg dell’Ascoli Claudio Tanzi, l’assessore Massimiliano Brugni, Maurizio Cacciatori

 

Si è tenuta questa mattina a Palazzo Arengo di Ascoli la presentazione dell’iniziativa dedicata al sociale che vede in prima linea Amministrazione comunale e Ascoli Calcio. Vi hanno preso parte l’assessore alle Politiche sociali Massimiliano Brugni,  il direttore generale dell’Ascoli Claudio Tanzi e il presidente della Consulta comunale per la disabilità l’ex dirigente comunale Maurizio Cacciatori.

Tema cardine dell’incontro la riapertura dello stadio “Del Duca” anche alle persone con disabilità, dopo le restrizioni dovute al covid.

Il dg Tanzi: «In Comune abbiamo fatto una riunione con tutte le associazioni e abbiamo messo sul tavolo iniziative importanti per la città e per gli amici che hanno più difficoltà di noi. Sono da poco all’Ascoli e ho proseguito il percorso fatto prima del mio arrivo, sono molto attento alla social responsibility. E’ un territorio pregiato quello delle persone che hanno bisogno di maggiori attenzioni. Appena ci hanno dato la possibilità di allargare la capienza dello stadio, abbiamo stabilito che a partire dalla prossima partita con il Lecce (16 ottobre, ndr) destineremo cento posti alle persone con disabilità al 100%. Chi non appartiene a un’associazione potrà chiedere l’accredito direttamente all’Ascoli Calcio, tutti gli altri faranno riferimento alla Consulta che gestirà le richieste. Sarà realizzato un camminamento dedicato per agevolare gli ingressi di queste persone, che potranno vivere una giornata di festa in tutta sicurezza. Proseguiremo il percorso tracciato in precedenza, al fianco di “Ascoli for Special”, la squadra che partecipa al campionato di Quarta Categoria. Come Club ci mettiamo a disposizione per altre iniziative. Siamo fortunati a fare un mestiere divertente, ed è giusto rendere qualcosa alla società. Non stiamo facendo nulla di sensazionale, ma quello che dovrebbero fare tutti i Club».

L’assessore Brugni: «Ringrazio l’Ascoli e il dg Tanzi, che ha una spiccata sensibilità e pone attenzione alle esigenze della città. Le persone con disabilità hanno risentito più di altre del periodo covid e riaprire lo stadio anche a loro è una prima importante risposta che forniamo».

Maurizio Cacciatori: «La Consulta ringrazia l’Ascoli per la disponibilità mostrata e che, con l’iniziativa di destinare cento biglietti alle persone con disabilità, la pone in una posizione primaria nel panorama delle società professionistiche per quanto attiene l’inclusione delle persone disabili negli eventi sportivi. La partecipazione gioiosa alle gesta dei propri beniamini rende felici queste persone».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X