Quantcast
facebook rss

Delicato intervento
di neuroradiologia su una donna
di 35 anni al “Mazzoni”

ASCOLI - E' stato effettuato in ospedale. La paziente aveva un sanguinamento nasale chirurgicamente non controllabile. E' stata arrestata l'emorragia delle arterie della base del cranio. Effettuato dal dottor Fabio D'Emidio con la preziosa collaborazione di altri medici, infermieri e tecnici di Area Vasta 5
...

Il dottor D’Emidio durante l’intervento

 

All‘ospedale “Mazzoni” di Ascoli è stato effettuato un intervento molto delicato su una donna di 35 anni con un sanguinamento nasale massivo, chirurgicamente non controllabile. E’ stato un intervento di embolizzazione selettiva (arresto dell’emorragia) delle arterie della base del cranio anteriore.

I dottori Fabio D’Emidio e Carlo Marinucci

La procedura è stata eseguita, presso la sezione di Radiologia Interventistica, dal responsabile della struttura dottor Fabio D’Emidio coadiuvato dalla qualificata equipe infermieristica e tecnica di sala del Dipartimento dei Servizi diretto dal dottor Carlo Marinucci, in stretta collaborazione con Anestesia e Rianimazione della dottoressa Ida Di Giacinto, la dottoressa Mariangela Di Pardo e Otorinolaringoiatria diretta dal dottor Andrea Ciabattoni, con il dottor Claudio Calenti.

L’ intervento, effettuato in anestesia generale mediante puntura dell’arteria femorale all’inguine con accesso aortico retrogrado e successivo cateterismo dei vasi del collo e cerebrali (arteria carotide esterna), ha permesso di localizzare esattamente – mediante “navigazione” con microcateteri – la fonte del sanguinamento (rami terminali dell’ arteria sfeno-palatina) che è stata esclusa attraverso il rilascio di uno specifico materiale (colla embolizzante).

La complessità dell’intervento, relativa al distretto trattato, richiede specifiche conoscenze di neuro-anatomia, delle tecniche di imaging neuroradiologico avanzato e dei materiali procedurali, capacità in dotazione al radiologo clinico e interventista, connubio indissolubile per nuovi sviluppi. Si aprono localmente prospettive per trattamenti interventistici anche per patologie di interesse neurologico.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X