Quantcast
facebook rss

Giostre a cavallo: Luca Innocenzi
per la quarta volta di fila è il numero uno

IL CAVALIERE di Foligno, recordman della Quintana di Ascoli, ha vinto il premio "Miglior cavaliere d'Italia" che ha tenuto conto di tutti i successi del 2020 e 2021. La cerimonia si è svolta a Narni. Gli era stato assegnato anche nel 2017 ad Ascoli, nel 2018 a Foligno e nel 2019 a Sulmona
...

Luca Innocenzi (quarto da sinistra) riceve il Premio a Narni. Accanto a lui (quinto da sinistra) Roberto Parnetti

 

di Andrea Ferretti

 

Si è svolta oggi, sabato 27 novembre, a Narni, nella suggestiva cornice della Rocca Albornoz, la cerimonia finale del Premio nazionale “Miglior Cavaliere d’Italia”. Giunto alla quarta edizione, è la passerella finale di questa manifestazione ideata, coordinata e portata avanti dal 2017 da Roberto Parnetti di Arezzo, esperto di Giostre cavalleresche, storiche e non.

Innocenzi ad Ascoli

Oggi a Narni presenti cavalieri e amazzoni che hanno vinto Quintane e Palii nel 2020 (si corsero solo quelle di Foligno, Servigliano e Olmo-Arezzo) e nel 2021. In questo caso e in altri come anche la Quintana di Ascoli, si tratta di rievocazioni storiche in cui i cavalieri corrono difendendo i colori di un Sestiere, un Quartiere, un Terziere, un Rione, una Contrada. Ma cin sono anche gare non storiche alle quali cavalieri e amazzoni partecipano a titolo personale e ovviamente non indossando un costume storico.

A Narni sono stati quindi svelati i nomi dei vincitori e quindi dei podi delle varie categorie. Il titolo di “Miglior cavaliere d’Italia” – era scontato da tempo – va a Luca Innocenzi il quale si porta così a casa questo titolo per la quarta volta, tante quante sono state finora le edizioni; nel 2017 ad Ascoli, nel 2018 a Foligno, nel 2019 a Sulmona. E oggi è stata la volta di Narni nell’evento in cui Parnetti ha messo insieme il 2021 e le tre gare corse del 2020.

Innocenzi a Servigliano

Luca Innocenzi, 39enne di Foligno, è il recordman della Quintana di Ascoli con ben 14 Palii regalati al Sestiere di Porta Solestà. Ed è prossimo a diventare l’uomo dei record anche in altre città sedi di rievocazioni storiche come la sua Foligno e Servigliano. 

La categoria “Miglior cavaliere” annoverava ben 29 fantini. Innocenzi nel 2020 ha vinto la Quintana Foligno (edizione unica) e nel 2021, sempre a Foligno, sia la Giostra della Sfida che la Giostra della rivincita, sempre per il Rione Cassero. Bis (2020 e 2021) anche alla Giostra all’anello di Servigliano/Palio di Castel Clementino per il Rione Porta Santo Spirito. Più l’edizione di luglio della Quintana di Ascoli, ovviamente per Porta Solestà.

Al 2° posto Alberto Liverani di Faenza, al 3° (ex aequo) Riccardo Raponi di Recanati (Macerata) e Guido Gentili di Sarteano (Siena). Raponi ha partecipato in passato tre volte anche alla Quintana di Ascoli con il Sestiere di Sant’Emidio nel 2018 e 2019.

Innocenzi a Foligno

“Migliore Amazzone” (5 in classifica): al 1° posto Ilaria Signorini di Pistoia, al 2° Chiara Bartoletti di Pistoia e al 3° Claudia Salomone di Campli (Teramo).

“Binomio più vittorioso” (34 in classifica), manco a dirlo, vittoria di Luca Innocenzi che in sella a Guitto ha vinto a Foligno sia nel 2020 che due volte quest’anno.

“Proprietario cavallo più vittorioso” (20 in classifica): Alessandro Candelori di San Gemini (Terni)

“Scuderia più vittoriosa” (5 in classifica): la scuderia di Manfredo Orazi di Cagliole (Macerata) e quella di Roberto Innocenzi di Foligno (Perugia)

Infine, nessun premio è stato assegnato alla categoria “Miglior giovane cavaliere under 18” perchè in classifica ce n’erano soltanto due ed è stato deciso di aspettare tempi migliori, un 2022 quando il covid si spera abbia mollato la presa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X