Quantcast
facebook rss

Pestato o caduto dalla sopraelevata
dopo il furto d’auto:
giallo su un 24enne
trovato ferito in strada

SAN BENEDETTO - A far sorgere il dubbio, la tipologia delle lesioni riportate ed il ritrovamento del mezzo  incidentato proprio in corrispondenza del luogo dove è stato soccorso. Le indagini sono in mano ai Carabinieri della Compagnia di San Benedetto, guidati dal capitano Francesco Tessitore
...

 

Pestato a sangue o caduto nel tentativo di fuga: è per capire questo che sono al lavoro dall’alba di oggi, sabato 11 dicembre, i Carabinieri della Compagnia di San Benedetto, guidati dal capitano Francesco Tessitore.

Al centro delle indagini un marocchino di 24 anni, trovato riverso a terra, dolorante e impossibilitato a muoversi per diverse fratture, la più grave al femore, a Porto d’Ascoli vicino all’hotel Quadrifoglio, sotto la sopraelevata.

A lanciare l’allarme una donna che stava portando fuori il cane. Immediato l’intervento dei sanitari arrivati a bordo dell’ambulanza inviata dal 118, che hanno trasportato l’uomo al Pronto Soccorso dell’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

Sul posto anche i Carabinieri che stanno cercando di ricostruire cosa abbia ridotto il 24enne in quelle condizioni.

Le lesioni riportate infatti sono compatibili, più che con un’aggressione come sembrava emergere dalle primissime ricostruzioni, con una caduta. Forse dalla sopraelevata.

Ad avvalorare il sospetto, che però non sta impedendo agli investigatori di valutare tutte le ipotesi possibili, compresa quella di un pestaggio, il fatto che, sulla sopraelevata – proprio in corrispondenza del luogo dove l’uomo è stato trovato – c’era un’auto rubata e incidentata.

A rendere il tutto piuttosto complicato, la reticenza a collaborare da parte della vittima stessa, nel frattempo identificata. Si tratta di un ragazzo già noto alle forze dell’ordine, senza fissa dimora, che periodicamente cerca riparo nella struttura di accoglienza nell’ex hotel sambendettese.

m.n.g.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X