Quantcast
facebook rss

Studenti da 100 e lode,
torna il “Premio al merito”

REGIONE - La giunta approva lo stanziamento di 175.000 euro per i diplomati con il massimo dei voti nell'anno scolastico 2020/2021
...

 

giorgia-latini

L’assessore alle politiche giovanili Giorgia Latini

 

La giunta regionale ripropone i “Premi al merito” intervento proposto dall’ assessore regionale alle politiche giovanili Giorgia Latini per rendere merito ai diplomati che si sono distinti agli esami di maturità e nel percorso scolastico. La giunta con la legge di assestamento del bilancio ha stabilito i criteri per la concessione e l’erogazione delle provvidenze economiche riferite all’anno scolastico 2020-2021 per un importo di oltre 175.000 euro.

«Già per l’anno scolastico 2019-2020 la giunta regionale ha previsto i premi al merito destinando risorse a favore degli studenti marchigiani residenti o aventi dimora nella Regione Marche che avevano conseguito il diploma di maturità con la votazione di 100 e lode in uno degli istituti di scuola media superiore della regione – ha sottolineato Latini – . Tale intervento ha ricevuto un notevole apprezzamento da parte degli studenti beneficiari e delle loro famiglie. Abbiamo ritenuto opportuno riproporre l’iniziativa al fine di dare continuità ad un percorso che garantisse a tutti gli studenti pari opportunità di pieno sviluppo delle capacità, libertà di espressione dei talenti e anche riconoscimento dei meriti individuali. La natura esclusivamente premiale e meritocratica delle provvidenze economiche le esclude dal novero delle prestazioni di carattere assistenziale e, come tali, dall’applicazione dell’Isee e le somme corrisposte non sono assoggettate a tassazione».

Le modalità di accesso al contributo saranno definite con un successivo atto della competente struttura regionale la quale provvederà al riparto delle risorse disponibili tra gli studenti individuati dall’ufficio scolastico regionale delle Marche. La struttura regionale sulla base dei dati trasmessi dall’ufficio scolastico regionale provvederà a verificare per tutti gli studenti il possesso del requisito soggettivo di ammissibilità relativo alla residenza o dimora durante il percorso scolastico nella regione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X