Quantcast
facebook rss

Un anno fa ci lasciava
Zè Agostini

ASCOLI - Imprenditore lungimirante, uomo di sport a tutto tondo, ricorre oggi - giorno di Natale - il primo anniversario della morte. Il ricordo dei figli, dei familiari e degli amici
...

Zè allo stadio nel 1972 con i figli Massimo (4 anni) e Domenico (8)

 

di Andrea Ferretti

 

Un anno fa, proprio il giorno di Natale, ci lasciava Nazzareno Agostini, da tutti conosciuto e chiamato Zè, imprenditore e uomo di sport che ad Ascoli, ma non solo, ha segnato la seconda metà del secolo scorso.

La famiglia, gli amici, i colleghi vogliono ricordarlo in questo primo anniversario, un giorno speciale in cui tutti si riuniscono e si ritrovano per festeggiare il Santo Natale davanti a un albero addobbato, ad un presepe, ad un camino accesso, a tavole imbandite.

Zè Agostini e Costantino Rozzi

Lo fanno anche i suoi figli – Alfredo, Domenico “Meco” e Massimo “Mamo” – ormai adulti, ma che ogni giorno proseguono sulla strada tracciata da Zè, un uomo buono, lavoratore instancabile, una fucìna di idee.

Quelle che aveva poi messo in pratica nel sua azienda di vivai, nel negozio di Piazza Roma, nella storica impresa di onoranze funebri che oggi porta avanti il figlio Massimo.

Ma anche nello sport, in particolare nel calcio, con la “sua” Pro Calcio che per decenni ha dato la possibilità a centinaia di bambini e ragazzi di avvicinarsi al calcio e potersi divertire con un sogno.

Si era speso anche pr altre discipline sportive come pugilato e lotta, ma il pallone era la sua grande passione. E’ stato anche azionista dell’Ascoli nell’era di Costantino Rozzi. E la sua passione non poteva non trasmetterla ai figli, tanto che Domenico e Massimo sono diventati due calciatori. Entrambi hanno vestito la maglia dell’Ascoli, e porta la firma di “Meco” uno dei gol più spettacolari della ultracentenaria storia bianconera.

 

 

E’ morto Zè Agostini, imprenditore e uomo di sport che ha fatto la storia


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X