Quantcast
facebook rss

Bolkestein, Guido Castelli ai Comuni: «Non predisponete i bandi di gara»

SPIAGGE - Concessioni demaniali marittime turistiche ancora al centro del dibattito. L'invito dell'assessore regionale al Demanio ai centri costieri marchigiani
...

Guido Castelli

L’assessore al Demanio della Regione Marche, Guido Castelli, ha invitato i Comuni costieri marchigiani ad astenersi dal predisporre autonomamente bandi di gara per le concessioni demaniali marittime turistico ricreativo. Ha inviato una lettera ai sindaci per «proporre un indirizzo univoco» sull’attuazione della direttiva europea, meglio nota come Bolkestein, in attesa che venga definito, a livello nazionale, una uniforme disciplina applicativa.  Castelli ricorda che «le recenti sentenze del Consiglio di Stato hanno fissato la data di scadenza delle concessioni al 31 dicembre 2024, in attesa di un riordino legislativo statale della materia. Sentenze sulle quali pendono ricorsi in Corte costituzionale e in Corte di cassazione».

 

La durata delle concessioni demaniali turistico ricreative coinvolge aspetti che rientrano nell’ambito della tutela della concorrenza, come più volte ribadito dalla stessa Corte costituzionale. L’assessore evidenzia, quindi, che «nessuna competenza, neppure residuale o meramente attuativa, spetta alle Regioni e, a maggiore ragione, ai Comuni».

 

Inoltre «il disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021 ha previsto una delega al Governo per provvedere alla mappatura dei beni pubblici» e delle relative concessioni.

 

Castelli ha chiesto ai comuni marchigiani di astenersi dall’emanazione dei bandi «a fronte della necessità di una legge nazionale di riordino. Provvedere a rinnovi autonomi sarebbe non solo inopportuno, ma anche dannoso, potendo creare disparità che potrebbero dare corso a contenziosi giudiziari e a un’inutile spesa pubblica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X