Quantcast
facebook rss

Parco Avventura a San Marco, «nato sotto il segno della volontà di riqualificare ed attrarre» (Foto)

ASCOLI - Il sindaco Marco Fioravanti  e l'assessore Marco Cardinelli al taglio del nastro della struttura tra le più grandi del Centro Italia e con sistemi di sicurezza all'avanguardia. Presenti anche il sindaco di Monsampolo Massimo Narcisi, l'onorevole Mauro Lucentini e l'assessore regionale Giorgia Latini
...

 

 

di Maria Nerina Galiè 

 

(foto di Giandomenico Lupi)

 

«Oggi è una giornata bellissima per Ascoli e per il Piceno»: così il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, già con l’imbracatura di sicurezza addosso, pronto per cimentarsi, tra i primi, nel percorso del nuovo Parco Avventura di San Marco, inaugurato oggi 16 aprile. Presenti anche l’onorevole Mauro Lucentini e l’assessore regionale Giorgia Latini.

 

«Con questo investimento – ha aggiunto il sindaco –  abbiamo voluto segnare un passo importante verso la riqualificazione del Colle San Marco, contrastando il degrado. Ma non solo: con una tale attrattiva, che rimarrà fissa ed è una delle più grandi del centro Italia, vogliamo motivare ancora di più gli ascolani a recarsi in questo luogo, bello ed ora anche di divertimento, ma anche i cittadini di tutte le Marche e del vicino Abruzzo».

 

«Il Parco – sono ancora le parole di Fioravanti, con lui anche il sindaco di Monsampolo Massimo Narcisi  – rientra nella visione di “Ascoli & Piceno 2030”, una visione di territorio che sconfina i limiti territoriali».

«E’ partito a luglio 2021 il disegno di riqualificare la Pineta di San Marco, trascurata negli ultimi anni – ammette l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Marco Cardinelli e per questo l’Amministrazione ha messo in campo risorse, partendo da un discorso ludico, come il Parco Avventura appunto.

Il prossimo step per ridare lustro a questo luogo al quale gli ascolani sono molto legati, la riqualificazione dell’area ex Camping».

Riqualificazione, attrattività ma anche sicurezza a caratterizzare la struttura che «si avvale di 64 piattaforme suddivise in 6 percorsi, ai quali possono accedere persone dai 3 anni», spiega Riccardo Novelli, rappresentante della ditta Biowork srl che ha realizzato il Parco Avventura di San Marco, su progetto di Simone Pirro, e che si occuperà anche della gestione.

 

«Si tratta di una struttura a rischio zero – ha continuato Novelli – dotato di un sistema di all’avanguardia, cosiddetto “ad ancoraggio permanente”. Vuole dire che il moschettone non può essere mai sganciato. Dal momento che l’utente lo inserisce, quando ha ancora i piedi per terra, lo movimenta attraverso piastre che avanzano senza mai poterlo sganciare». 

 

FOTOGALLERY

 

 

.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X