Quantcast
facebook rss

Elisa, Dardust e Marco D’Amore: il Memorial “Troiani” cala il tris d’assi

ASCOLI - Appuntamento l'8 giugno in Piazza del Popolo con l'iniziativa benefica a favore dell'Ail, giunta alla sua ventitreesima edizione. Concerto con Faini e la cantante triestina e monologo dell'attore di "Gomorra". Il fine nobile di un evento che è diventato punto fermo della stagione estiva cittadina e il ricordo del ragazzo che lottò coraggiosamente contro la malattia
...

Parte del team organizzativo del Memorial “Troiani” con Dardust collegato in video (foto di Giandomenico Lupi)

 

di Luca Capponi 

 

Elisa, Dardust, Marco D’Amore: un tris di assi per l’edizione numero 23 del Memorial “Alessandro Troiani”, in programma il prossimo 8  giugno in Piazza del Popolo.

Ad ufficializzare i nomi, durante la conferenza di presentazione, è lo stesso Dario Dardust Faini, direttore artistico dell’evento che punta a raccogliere fondi a beneficio dell’Ail.

Elisa sarà ospite dell’iniziativa

«Elisa è un’artista storica e imponente della cultura pop italiana che non ha bisogno di presentazioni -spiega il musicista ascolano-. D’Amore (il Ciro di “Gomorra”, ndr) reciterà un monologo che racconta la malattia. Nella prima parte dell’evento, invece, proporrò una parte del mio ultimo album che esce a ottobre. Si tratta di una tra le poche performance live che ho in programma nei prossimi mesi».

È proprio grazie a Dario, il quale si è avvicinato all’Ail durante la malattia del padre Adelmo (scomparso nel 2021), che da qualche anno la manifestazione ha assunto tonalità di livello (inter)nazionale grazie a big come Mahmood, Noemi, Emma Marrone, Tommaso Paradiso, Elodie, solo per citarne alcuni. E l’iniziativa, nata grazie al coraggio e alla passione di Alessandro Troiani, che visse la leucemia battendosi per la realizzazione del reparto di Ematologia al “Mazzoni“, ne ha beneficiato vistosamente. Lui purtroppo non ce l’ha fatta. Ma oggi tante persone malate possono curarsi in una struttura e per merito di una ricerca che ogni anno cresce anche grazie ad Alessandro.

«Il memorial segna l’inizio dell’estate e della ripartenza post Covid -aggiunge il sindaco Marco Fioravanti-. Sono emozionato perché questo è uno degli eventi più importanti che si svolgono ad Ascoli, che ha valenza artistica, sociale e sanitaria».

Vero, perchè in primo piano ci sono proprio volontariato e beneficenza, come confermano Leonardo Galieni, figlio del primario di Ematologia Piero, e il presidente dell’Ail Giuliano Agostini, motori del memorial.

«Vogliamo inviare un messaggio per sensibilizzare l’opinione pubblica, oggi la ricerca ha fatto enormi progressi grazie anche al nostro contributo -spiega Agostini-. L’impegno è sempre quello di trovare nuovi metodi per combattere la malattia. Ci siamo costituiti nel 2000 e siamo in prima linea per quanto riguarda l’acquisto di macchinari e attrezzature di ultima genereazione. La difficoltà è nel trovare medici, ma ad Ascoli Ematologia è all’avanguardia così come il Laboratorio di Biologia, autentiche eccellenze. Le raccolte fondi sono fondamentali e ringraziamo Dario Faini, l’Amministrazione comunale e la Regione».

Non a caso alla presentazione ufficiale c’era anche l’assessore regionale alla cultra Giorgia Latini, così come l’omologa comunale agli eventi Monia Vallesi.

Filippo Ferretti, che condurrà la serata nel salotto buono, giustamente ricorda la difficoltà nell’ottenere la disponibilità di artisti di cotanto calibro, sempre impegnatissimi. Ma soprattutto come tutti, sia adesso che in passato, non percepiscano alcun compenso offrendo spontaneamente il loro contributo alla causa.

Biglietti in vendita dalla prossima settimana al box office di Piazza del Popolo e online.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X