Quantcast
facebook rss

Accattonaggio, Sanguigni: «Non abbiamo nessuna intenzione di multare chi chiede l’elemosina»

SAN BENEDETTO - Andrea Sanguigni torna sul tema dell'accattonaggio, affermando di non aver mai voluto irrogare sanzioni nei confronti dei senzatetto con animali d'affezione
...

L’assessore al sociale Andrea Sanguigni

 

di Giuseppe Di Marco

 

Controlli sugli animali dei senzatetto, l’assessore al sociale Andrea Sanguigni torna sulla questione, affermando di non aver mai avuto l’intenzione di multare chi chiede l’elemosina.

 

La questione era emersa nel corso dell’ultimo consiglio comunale, quando all’assessore era stato chiesto, dalla Lega, un giro di vite sui clochard che maltrattano gli animali. In risposta, Sanguigni ha convenuto sulla necessità di porre maggiore attenzione alla problematica, ma senza adottare politiche da “pugno duro”. Da qui, la necessità di un chiarimento su quanto il Comune di San Benedetto, in tal senso, intende fare.

 

«Non ho mai avuto né espresso l’intenzione di multare chi chiede l’elemosina – chiarisce Sanguigni – La vita dei senzatetto è già estremamente complicata e noi non vogliamo in nessun modo aggravarla: quindi ad una cosa del genere non ho mai neanche lontanamente pensato. Quello che si potrebbe valutare, in futuro, è un monitoraggio più attento delle situazioni in cui gli animali d’affezione potrebbero essere maltrattati. Parliamo, in concreto, di controllare più da vicino come vengono trattati questi animali, ma senza dar luogo ad interventi radicali o sanzionatori, a meno che non ce ne sia fondato motivo. Un’amministrazione comunale deve garantire sicurezza, ma deve anche mostrare comprensione verso chi non ha più nulla all’infuori del proprio animale, e che per questo lo tratta in modo adeguato. Gli estremismi, in qualsiasi senso, non hanno mai funzionato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X