Quantcast
facebook rss

Area Vasta 5, si è insediata la nuova Rappresentanza Sindacale

PAOLO Grassi, infermiere del "Mazzoni" di Ascoli , è il coordinatore della Rsu con 19 preferenze su 28. Stefano Sudati del "Madonna del Soccorso" di San Benedetto il vice. Nella segreteria quattro membri della Cisl, tre della Cgil, uno della Uil e uno della Fials
...

Gli ospedali “Mazzoni” di Ascoli e “Madonna del Soccorso” di San Benedetto

 

Si sono insediati i trenta componenti della nuova Rsu dell’Area Vasta 5 per approvare il regolamento di funzionamento nonché eleggere i relativi organismi. Con 19 preferenze, su 28 presenti, è stato eletto coordinatore della Rsu Paolo Grassi della Cisl Fp, infermiere dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli, è stato designato vice coordinatore Stefano Sudati della Cgil Fp, infermiere dell’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

 

Nel corso della riunione è stata anche eletta la segreteria che risulta ora così composta: Paolo Villa, Francesco Massari, Luca Marcucci e Gianluca Aloisi della Cisl Fp; Stefano Sudati, Simone Clerici e Caterina Fiori della Cgil Fp, Manuela Gagliardi della Uil Fp, Fausto Menzietti della Fials.

 

La nuova Rappresentanza Sindacale ha subito esaminato le gravissime problematiche dei dipendenti di Area Vasta 5, a partire da quella che viene definita «inaccettabile, discriminante, cronica carenza di risorse finanziarie che non consente neanche il pagamento delle indennità sancite dal contratto collettivo nazionale di lavoro, l’altrettanto grave carenza di personale in quasi tutte le Unità Operative con la conseguente compromissione dell’efficienza dei servizi, in particolare sanitari, la cancellazione di riposi programmati, le doppie turnazioni e l’impossibilità di fruire regolarmente dei periodi di ferie durante l’intero esercizio finanziario con conseguenti estenuanti carichi di lavoro, non più sostenibili. Di conseguenza – afferma la Rsu – appare assolutamente imprescindibile la proroga di tutti i contratti di lavoro dei dipendenti in servizio a tempo determinato, la copertura dei circa venti posti di coordinatore e delle sette posizioni organizzative, vacanti da anni, cosi come la definizione della procedura per l’attribuzione delle progressioni orizzontali e verticali».

 

Segreteria e segretari dei sindacati, firmatarie del contratto nazionale, si sono impegnati a richiedere un tempestivo incontro con la Direzione Generale di Asur Marche e Area Vasta 5 per affrontare in tempi rapidi tutte le problematiche e le altre ancora sospese e quelle che saranno evidenziate nella prossima riunione.

 

Infermieri stanchi e scoraggiati: «Soluzioni e più sensibilità per noi, provati da due anni di pandemia»

 

La protesta degli infermieri continua nella Rsa di Ripatransone: «Non possiamo nemmeno andare in bagno»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X