Quantcast
facebook rss

Circhi con animali e Piano di forestazione: i Verdi chiedono iniziative all’insegna della sostenibilità

SAN BENEDETTO - Limitazioni agli spettacoli viaggianti con animali, iniziative per la forestazione urbana: sono queste le richieste contenute nelle interpellanze che verranno discusse da Paolo Canducci e Annalisa Marchegiani nel Consiglio Comunale del 28 maggio
...

Per i Verdi, San Benedetto ha bisogno di un nuovo piano di forestazione urbana

 

di Giuseppe Di Marco

 

Paolo Canducci

Sono due le interpellanze che i Verdi porteranno alla seduta del Consiglio Comunale prevista per la mattinata di sabato 28 maggio: i consiglieri di minoranza chiedono all’amministrazione comunale misure per limitare le aree da destinare a circhi con gli animali e per rendere più green San Benedetto.

 

Nel primo caso, Paolo CanducciAnnalisa Marchegiani dichiarano con forza che «il circo con animali è ormai una pratica anacronistica – scrivono i consiglieri – così come testimoniato dal fatto che diversi Comuni italiani si sono mossi nel favorire circhi senza animali». Pertanto, si chiede al sindaco e alla giunta «se e come intende procedere per modificare o integrare il regolamento per la concessione di aree da destinare allo spettacolo viaggiante vietando o limitando l’installazione di circhi e mostre con animali».

Annalisa Marchegiani

 

In secondo luogo, i due Verdi ricordano che «da un censimento del 2015 la città di San Benedetto vanterebbe 14.900 alberature – recita l’interpellanza – di cui 5.400 nelle aree verdi, 700 nelle scuole, 850 negli impianti sportivi, 1.850 negli immobili comunali, 6.100 di verde ed alberate stradali oltre che 3.800 oleandri». In considerazione del fatto che il verde pubblico di interesse urbano corrisponde a 14,2 metri quadri per abitante, e che questa misura standard non è stata attuata, Canducci e Marchegiani domandano «se e come si intende procedere per programmare un Piano di Forestazione urbana e in quali tempi».

 

«E’ indubbia – concludono i consiglieri – la necessità di affrontare con una reale e seria programmazione e pianificazione il tema della forestazione urbana, in virtù del sempre più evidente cambiamento climatico e dei pericoli ad esso collegati per persone e cose».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X