Quantcast
facebook rss

Panichi ricerca personale: il welfare come filosofia aziendale dell’impresa ascolana

ASCOLI - Benessere, armonia, partecipazione, riconoscimento, appartenenza, sostegno: al centro le persone. Un'impresa in crescita che opera anche attraverso il Consorzio Panichi Strever su diversi cantieri nel territorio piceno: dal centro cittadino, alle aree interne colpite dal sisma, alla costa adriatica. Una realtà che offre ora nuove possibilità di lavoro
...

 

Cos’è il welfare aziendale nell’impresa di costruzioni Panichi Srl, guidata dai fratelli Stefano e Simone?

 

È una filosofia, un modo di condurre l’impresa ponendo al centro le persone che ne sono parte, è un volano per il benessere lavorativo, un investimento felice per la crescita produttiva dell’azienda.

 

Una crescita che in questi anni è stata costante, ponderata, naturale, “mattone dopo mattone”. Così inizia la chiacchierata con Alessandro Corradetti, il Responsabile Risorse umane, uno dei più anziani, lavorativamente parlando, in Panichi dal 2011.

 

«In dieci anni la cosa più importante che ho imparato è che certi risultati si raggiungono soltanto con un grande lavoro di squadra in cui ognuno mette in campo le proprie capacità e professionalità: il nostro gruppo ne è la prova – continua Alessandro – ci siamo affermati come una realtà giovane e dinamica, capace di rispondere al territorio e alle molteplici esigenze del settore. L’avvio di stimolanti progetti di welfare aziendale combinato alle sfide future che abbiamo già in cantiere ci offriranno la possibilità di raggiungere obiettivi sempre più significativi».

 

Il welfare non solo come “programma di”, ma come tratto distintivo del clima aziendale che si respira, benessere, attenzione e ascolto che combinati responsabilizzano i dipendenti in un momento in cui ognuno sta dando qualcosa in più, fanno sentire ciascuno parte di un tutto, generano lo scatto di entusiasmo. Si percepisce di rappresentare un valore per lo sviluppo dell’impresa che con il boom dell’edilizia, necessita ora di nuove figure professionali da inserire in organico.

 

Il senso dell’adozione del welfare aziendale come approccio è ben descritto nelle parole dell’amministratore unico Stefano Panichi: «L’obiettivo è rendere il luogo di lavoro un contesto piacevole, armonioso, dove stare bene, facciamo del nostro meglio perché chi lavora con noi si svegli ogni mattina felice di recarsi in azienda, da sempre e soprattutto in questo momento storico di enorme intensità lavorativa dove il benessere delle risorse umane ingaggiate porta a una partecipazione spontanea, rafforzata dal senso di riconoscimento e di appartenenza».

 

«Da tre anni – spiega Stefano – stiamo portando avanti un processo di responsabilizzazione e formazione cercando di iniziare gli impiegati a un percorso manageriale, rendendoli partecipi delle attività dell’azienda. A fronte di questo abbiamo anche un forte programma di patrimonializzazione per cui gli sforzi di tutti diventano solidità dell’azienda e non ricchezza della proprietà. Se il lavoro va bene, va bene per l’azienda nel suo complesso e c’è un ritorno in termini di benefit e servizi per ognuna delle figure che formano la squadra».

 

Condivisione, apertura alle esigenze di chi lavora in azienda, occasioni di scambio e interazione fuori dall’ambiente di lavoro, con organizzazione di eventi e momenti conviviali, attività sportiva proposta come risorsa per staccare e ricaricarsi durante l’orario di lavoro: tutto questo contribuisce a rendere l’ambiente sereno, armonioso e stimolante per chi ne fa parte, attrattivo per chi potrebbe diventarlo.

 

Centosettantamila euro in due anni l’investimento a favore del programma di welfare aziendale avviati per gli anni 2022/2023: sanità, sport, benessere, viaggi, intrattenimento, scuola, casa i macro settori in cui spaziare tra agevolazioni, sconti e rimborsi. Ogni dipendente o collaboratore, impiegato o operaio ha il suo plafond mensile di cui disporre secondo le proprie necessità, attraverso una piattaforma che gestisce strutture convenzionate e richieste, con formazione da parte della responsabile del programma, Maria Tassoni, ai beneficiari su come usufruire dei benefit.

 

Ad avvalorare quanto raccontato fin qui, la testimonianza di Pamela Palazzese, controller di gestione del gruppo, proveniente da aziende industriali multinazionali ed entrata a far parte di questa realtà a settembre 2021: «Credo che il welfare sia lo strumento che manifesta apertamente e concretamente quello che è l’approccio della Panichi verso i propri dipendenti, di fatto hanno un’attenzione particolare verso le persone che lavorano con loro e si rendono conto dell’impegno profuso nelle attività e proprio per questo hanno trovato un modo, secondo me da elogiare, per riuscire a coccolarci, a prenderci cura di noi, dei nostri familiari a ottimizzare il nostro tempo libero. Venendo da realtà multinazionali che potevano vantare enormi vantaggi anche nella gestione del personale perché avrebbero potuto trovare molti modi per valorizzarlo, devo ammettere che non arrivavano a tali risultati, non arrivavano a metterti al centro, a darti valore. Ecco questo è quello che secondo me fanno loro. Si innesca in automatico una sorta di fidelizzazione, di gratitudine, che manifesti lavorando nel miglior modo possibile. Sono lungimiranti, hanno una mente super aperta nonostante il contesto locale, vedono il potenziale, cercano di farlo risaltare e di metterti in condizione di esprimere te stesso a 360 gradi. Ti fanno respirare un contesto molto più che locale, ti coinvolgono a pieno, creano attività di condivisione, sono attenti al tuo benessere psico-fisico all’interno del luogo di lavoro: ti valorizzano e tu cerchi di valorizzare al massimo il lavoro che fai per loro perché, davvero, lo meritano».

 

Un caso esemplare di imprenditorialità etica sul territorio piceno che offre ora nuove possibilità di lavoro per ampliare la squadra (composta attualmente da 21 impiegati e 42 operai assunti da Panichi e 49 operai e 11 impiegati assunti dal Consorzio Panichi Strever).

 

I profili ricercati sono quelli di professionisti che possano gestire, pianificare, valutare, monitorare, supervisionare le diverse fasi di un progetto, riportando al Direttore Tecnico.

Ingegnere, architetto o geometra il titolo richiesto per il ruolo.

Il responsabile di commessa si dovrà occupare di:

 

* Pianificazione del progetto attraverso la stesura di un piano strategico che consideri le attività da svolgere e la fattibilità delle stesse;

* Programmazione delle attività in modo da organizzare i processi in modo ottimale;

* Gestione delle risorse a disposizione, incluso il coordinamento delle maestranze e dei soggetti coinvolti nel cantiere;

* Monitoraggio e controllo degli avanzamenti con visite in cantiere e aggiornamento costante del cronoprogramma;

* Redazione della contabilità dei lavori attraverso l’elaborazione del computo metrico estimativo e consuntivo;

* Valutazione e gestione dei rischi anche durante l’avanzamento lavori;

* Gestione e coordinamento degli Assistenti di Cantiere della sua squadra;

* Buona conoscenza delle norme sulla sicurezza in cantiere e D.Lgs. 81/08;

* Chiusura del progetto.

 

Sono richieste la conoscenza e l’abilità nell’uso dei software: Word ed Excel e in generale il pacchetto Office, Project e Primus.

 

Affidabilità, esperienza pregressa nella posizione ricercata, determinazione e spiccate capacità organizzative e relazionali completano i requisiti del profilo di ricerca. L’ambiente di lavoro è dinamico, in continua evoluzione, dove confrontarsi con progetti stimolanti e sfidanti e con altri professionisti del settore, dove il welfare aziendale è la filosofia che guida la crescita. L’inserimento sarà commisurato all’esperienza maturata.

Per la candidatura inviare il curriculum a: info@panichisrl.it

 

Ad Ascoli Piceno, una nuova opportunità lavorativa profilata in un contesto armonioso, etico, che pone attenzione alle persone come capitale umano di valore.

 

(articolo pubbliredazionale)

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X