Quantcast
facebook rss

Dialetto ascolano, dopo “Petò” in arrivo Guido Mosca

ASCOLI - Due ore esilaranti con Pierpaolo Piccioni. Il 18 giugno l'Inferno di Dante tradotto in lingua ascolana. Proseguono gli appuntamenti incentrati sul vernacolo
...

 

Due ore di divertimento al Centro Ada-Bruno Di Odoardo di Ascoli con Pierpaolo “Petò” Piccioni e le sue esilaranti riflessioni dialettali sull’ascolano e l’ascolanità “L’ascolano questo sconosciuto”.

 

Ha raccontato gli aneddoti più o meno noti sulle espressioni dialettali e le gestualità degli ascolani relative alla vita di tutti i giorni, tipo le considerazioni che si fanno sulla bruttezza, sull’obesità, su quando si mandano improperi e accidenti, senza tralasciare quelle su “miti” come l’Ascoli Calcio, Sant’Emidio e la Quintana.

 

Tra i numerosi presenti anche Giulia Civita e Pino Scarpellini i quali si erano già esibiti al “Centro Ada” sulla stessa tematica, eGuido Mosca che sarà protagonista del prossimo appuntamento del 18 giugno con i racconti dell’Inferno di Dante, da lui tradotti in “lingua ascolana” e raccolti in una pubblicazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X