Quantcast
facebook rss

Maturità 2022: boom per la novella di Verga, pareri discordanti sull’esame in presenza

SAN BENEDETTO - Conclusa la prima prova. Tanti e differenti i sogni dei ragazzi della Riviera: da chi vuole diventare medico a chi invece si trasferirà in Inghilterra per lavorare
...

Gli studenti della Riviera delle Palme hanno completato la prima prova dell’esame di maturità 2022

 

 

di Giuseppe Di Marco

 

Studenti ai nastri di partenza per gli esami di maturità 2022. Nella mattinata di mercoledì 22 giugno, anche a San Benedetto si è svolta la prima prova in presenza. Penne e fogli protocollo in aula, mentre fuori esplode il primo caldo estivo.

 

Tante le aspettative per il futuro, e d’altronde con il “tema d’italiano”, che quest’anno presentava 7 diverse tracce, ragazze e ragazzi hanno “rotto il ghiaccio” con il tratto conclusivo del loro percorso nella scuola superiore di secondo grado.

 

Fuori dal Liceo Classico “Giacomo Leopardi”, ben prima dello scadere delle 6 ore, ci sono già alcuni ragazzi che hanno lasciato la scuola. Come Riccardo Collina, che ha scelto il tema di attualità sulla pandemia, concentrandosi «sulla nuova consapevolezza assunta dal genere umano nelle relazione personali». Riccardo, con tutta probabilità, studierà Giurisprudenza. Ma c’è anche Sabrina Hoxhaj, che invece ha optato per l’analisi testuale della novella di Giovanni Verga “Nedda” e che intende inscriversi a Scienze Internazionali e Diplomatiche. A confrontarsi con i compagni di classe, infine, c’è anche Chiara Forte: anche lei ha concluso la prima prova cimentandosi nello studio del maestro verista, ma diversamente dalla sua collega, si segnerà a Ingegneria.

 

Da sinistra, Riccardo Collina, Sabrina Hoxhaj e Chiara Forte del Liceo Classico “Giacomo Leopardi”

Sogni e percorsi diversi, ma opinioni simili sul percorso scolastico che sta terminando: i tre sono concordi nel ritenere che il ritorno delle lezioni e degli esami in presenza sia stata una buona scelta.

 

«Noi ragazzi dobbiamo sviluppare le relazioni all’interno del nostro gruppo – afferma Riccardo – solo in questo modo riusciamo a responsabilizzarci e a maturare delle esperienze che la didattica a distanza non può assicurare».

 

Il classico, per tutti e tre, è stata una buona scelta, ma questo non vuol dire che non si possa ulteriormente migliorare, soprattutto nel rapporto fra professore e studente, che nel complesso ha bisogno di un confronto più diretto e meno formale con i discenti.

 

Sul versante del Liceo Scientifico “Benedetto Rosetti”, a pochi metri di distanza, i primi studenti lasciano il plesso scolastico attorno alle 13.30 e alla fermata dell’autobus possono finalmente scaricare la tensione accumulata. C’è Adam Spinelli che è andato sul sicuro, completando l’analisi del Verga. Accanto a lui Daniele Bastianelli, che invece è andato controcorrente, buttandosi su un argomento piuttosto delicato: quello delle leggi razziali e della Shoah, sulla base di alcuni scritti della senatrice Liliana Segre. A chiudere il trio è Nicole Di Stanislao Marchionni: la ragazza ha deciso di svolgere il tema delle nuove tecnologie digitali, con particolare riferimento all’«esercizio dello spirito critico nella contemporaneità».

 

Da sinistra: Nicole Di Stanislao Marchionni, Daniele Bastianelli e Adam Spinelli del Liceo Scientifico “Benedetto Rosetti”

Per i tre studenti del “Rosetti”, il ritorno in presenza è stato piuttosto precoce, data la presenza della pandemia. La didattica a distanza, d’altro canto, ha penalizzato il percorso di questa generazione, che ha dovuto studiare in dad per l’intero triennio finale.

Ma non c’è tempo per pensare al passato. Adam si iscriverà alla facoltà di Medicina, mentre Daniele proverà ad entrare in Psicologia: tutto sta a decidere se rimanere in Italia o espatriare.

 

Chi sicuramente andrà all’estero, invece, è Nicole, che passerà il primo periodo post-scuola a lavorare a Brighton. «E’ un periodo troppo importante per la vita di una persona – dice la ragazza – nel frattempo valuterò altri progetti, ma per il momento la mia destinazione è l’Inghilterra».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X