Quantcast
facebook rss

Ascoli-mare: dacci oggi il nostro incidente quotidiano

...

 

 

di Andrea Ferretti

 

Un tamponamento, due auto coinvolte, un ferito leggero, circolazione in tilt, code. E’ ormai la frase ricorrente che viene utilizzata quasi ogni giorno, a volte anche più di un volta al giorno, per descrivere quello che accade lungo i venti chilometri inseriti nella top ten delle strade più trafficate e ad altissimo rischio incidenti del centro Italia, anche per la presenza di continui cantieri.

 

Uno dei tanti incidenti lungo l’Ascoli-mare

Parliamo della ormai famigerata superstrada Ascoli-mare, il raccordo autostradale che anche stamattina, a ridosso del restringimento (lungo alcuni chilometri) è stata teatro di un incidente.

 

Per fortuna nulla di grave, tanto che la persona rimasta ferita è stata trasportata in ospedale dall’ambulanza del 118 con codice verde. Sul posto anche una squadra dei Vigili del fuoco di Ascoli e la Polizia Stradale che, in poco tempo, ha comunque ripristinato il normale flusso veicolare.

 

Dato purtroppo per scontato che elevata velocità e distrazioni (cellulare al primo posto) sono le cause della maggior parte degli incidenti, l’Ascoli-mare non fa eccezione. Non solo, ma in prossimità dei restringimenti accade spesso che il Verstappen di turno non vede – diciamo se ne infischia – i segnali posizionati con largo anticipo che dicono di rallentare e portarsi nella corsia che poi diventa unica.

 

Un altro incidente lungo la superstrada

L’effetto fuoristrada, dove il conducente sta seduto due spanne sopra a quelli che guidano vetture normali, più l’effetto emulazione Formula Uno diventano un mix micidiale. A volte, come stamattina, accadono sinistri di poco conto. Altre, purtroppo, con esiti molto più gravi, ance mortali. 

 

Un lettore di Cronache Picene ci ha raccontato quello cui ha assistito sabato: «Viaggiavo in direzione mare e ho rallentato, come da indicazioni, perchè prossimo ad un restringimento causa lavori. Una Porsche ha superato la mia ed altre auto ad un velocità credo vicina ai 200 orari, poi a pochi metri dal restringimento, dopo che aveva solo appena rallentato, si è buttato sulla sua destra. Per fortuna non c’erano auto in quei pochi metri di strada, altrimenti sarebbe accaduto un incidente dagli esiti cui non voglio nemmeno pensare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X