Quantcast
facebook rss

Festivi lavorati in Area Vasta 5, il Tribunale riconosce il diritto al pagamento

ASCOLI - Ancora soldi da tirar fuori da parte della sanità pubblica, per il mancato riconoscimento di somme dovute. Pelosi (Nursind) spiega come funziona questo tipo di indennizzo. Nel frattempo sono in arrivo altri 15 ricorsi
...

 

Ancora soldi che l’Area Vasta 5 deve tirar fuori per indennizzare gli operatori sanitari: oltre al riconoscimento ottenuto per i tempi di vestizione, arrivano anche i conti da pagare per le festività lavorate.

 

L’iniziativa di fare ricorso al giudice è stata di alcuni dipendenti appartenenti al sindacato Nursind di Ascoli, anche negli anni scorsi. Qualche mese fa era stata data ragione ad infermiere che aveva lavorato a Ferragosto del 2019.

 

Di recente il Tribunale di Ascoli ha emesso un decreto ingiuntivo, nei confronti di Asur Marche – Area Vasta 5, di versare 1.200 euro ad un dipendente, per le festività lavorate negli anni 2020, 2021 e 2022. Ma a fronte di quanto entrerà nelle tasche dell’infermiere, la Sanità picena dovrà sborsare altre 600 euro di spese. 

 

Non si tratta di casi isolati: sono 6 fino ad ora i lavoratori che si sono rivolti al giudice per questo motivo, vincendo la causa. Nel frattempo sono pronti altri 15 ricorsi.

Quindi ancora soldi su soldi, di cui una buona parte di oneri.

E’ pertanto lecito chiedersi se tutto questo si poteva evitare, se ci sono altre strade, meno costose per la parte pubblica. 

 

«Sarebbe tutto molto semplice – spiega Maurizio Pelosi, segretario territoriale del Nursind di Ascoli – e con meno dispendio di soldi pubblici se si rispettassero le regole.

Le festività lavorate o vanno a compensazione oraria oppure devono essere pagate. Al dipendente va lasciata la scelta. Se preferisce il compenso orario, deve inviare entro 30 giorni la comunicazione alla direzione. Poi, dopo due mesi circa, dovrebbe trovarsi la somma relativa sulla busta paga. Questo però non accade mai in Area Vasta 5, dove gli infermieri si vedono spesso costretti a fare ricorso». 

m.n.g.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X