Quantcast
Fratelli d'Italia
facebook rss

Tragico schianto a Valle Castellana: quattro auto coinvolte, un morto e tre feriti

E' AVVENUTO in località Cesano, a pochi chilometri da Ascoli. La vittima è il 74enne Carlo Angelini di Valle Castellana. Tra le persone coinvolte anche il sindaco della località teramana al confine con Ascoli, Camillo D'Angelo, rimasto illeso. Sul posto i Vigili del fuoco di Ascoli e di Teramo, l'elisoccorso d'Abruzzo, le ambulanze del 118 di Ascoli e i Carabinieri della locale Stazione
...

 

di Andrea Ferretti

 

Gravissimo incidente stradale a Cesano di Valle Castellana, lungo la strada provinciale che da Ascoli conduce nella località teramana, situata quasi al confine tra Marche e Abruzzo.

 

E’ avvenuto oggi pomeriggio, martedì 2 agosto, nei pressi del  bivio per Settecerri, e sono rimaste coinvolte ben quattro automobili, una delle quali si è rovesciata su un fianco. Le auto sono entrate in collisione in un tratto rettilineo, in discesa.

 

I rilevi, per stabilire le cause e quindi le responsabilità, sono nelle mani dei Carabinieri di Valle Castellana accorsi sul posto insieme ai soccorsi.

 

Sul luogo dell’incidente sono giunte le ambulanze inviate dalla centrale operativa del 118 di Ascoli, squadre dei Vigili del fuoco sia del Comando provinciale di Ascoli che di Teramo. I sanitari hanno subito chiesto l’intervento dell’eliambulanza, e a Cesano poco dopo è atterrato anche l’elisoccorso d’Abruzzo.

 

La persona deceduta era alla guida della vettura che si è rovesciata su un fianco, mentre tre feriti sono stati trasportati all’ospedale “Mazzoni” di Ascoli, quello più vicino al luogo dell’incidente.

 

Tra gli automobilisti coinvolti anche Camillo D’Angelo, sindaco di Valle Castellana, fortunatamente rimasto illeso.

 

La strada è stata chiusa al traffico per alcune ore per facilitare i soccorsi, permettere la rimozione delle auto incidentate e alla fine, purtroppo, recuperare del corpo della persona deceduta che l’impresa di pompe funebri ha poi provveduto a trasportare all’obitorio.

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X