Quantcast
facebook rss

Monteverde esce dall’oblio: il Comune dà il via ai lavori, nasce il comitato dei residenti

ASCOLI - Dall'abbandono al restyling del quartiere residenziale, per anni simbolo di lassismo e abbandono. L'Arengo mette sul piatto 170.000 euro per marciapiedi, strade e verde. Già effettuati i primi interventi. Cinquanta famiglie unite per favorire partecipazione e confronto
...

 

di Luca Capponi 

 

Monteverde esce dall’oblio. Finalmente. Dopo anni di abbandono e disagi da parte dei residenti, il quartiere mostra già un aspetto migliore grazie ai primi interventi sul verde effettuati dal Comune. Segno di un restyling imminente (per un importo di circa 170.000 euro) che riguarderà la zona compresa tra via Mamiani, via Menotti e via Maroncelli. E intanto i residenti danno vita ad un comitato di quartiere.

 

Una delle aree ripulite

Ma andiamo con ordine.

In primis l’iniziativa degli abitanti, ufficializzata nelle ultime ore. Una cinquantina di famiglie si sono unite per fare fronte comune, con l’obiettivo di curare le esigenze del quartiere e portarne avanti le istanze. Sicurezza, manutenzione e collaborazione con le amministrazioni i principi fondanti.

 

«Vogliamo favorire la partecipazione, il confronto costante e costruttivo, l’approfondimento delle problematiche per il miglioramento delle condizioni di vita del quartiere, anche a livello di sicurezza.

Non abbiamo alcuna finalità politica, vogliamo prenderci cura insieme di una zona che per troppo tempo è stata dimenticata e fare comunità. Guardiamo quindi con favore all’impegno del Comune in tal senso, ma continueremo comunque ad essere vigili», spiegano dal comitato.

 

Alla presidenza c’è Ennio Saldari, coadiuvato dal vice Luca Monni. Tra i promotori anche Diego Silvestri, Mirko Isopi, Maurizio Perotti, Giuliano Tartaglia e Fabio Galiè.

 

A proposito dell’intervento di riqualificazione messo in atto dall’Arengo, partito già con la pulizia di un’area che negli anni aveva visto proliferare sterpaglie e sporcizia, consiste in un intervento deciso su strade e marciapiedi dissestati, aree verdi e viabilità.

 

La zona di Monteverde, quasi completamente residenziale, dall’essere una delle più ambite e moderne della città è divenuta in pochi anni simbolo di lassismo, tra rifiuti abbandonati nella vegetazione (tra cui addirittura una gru, leggi qui) e manutenzione pressoché assente, situazioni che avevano più volte provocato le proteste dei residenti. Ora però la musica sta per cambiare. Per fortuna.

 

Monteverde, tutto è immerso…nel verde: marciapiedi, lampioni e l’immancabile gru

Monteverde, il degrado è qui Nella foresta spunta pure una gru I residenti: «Siamo stufi» (Foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X