Quantcast
facebook rss

Porto d’Ascoli Centro chiede videocamere: «Le baby gang imperversano nel quartiere»

SAN BENEDETTO - La richiesta è stata fatta pervenire al sindaco Spazzafumo tramite una lunga missiva inviata dal presidente di comitato Elio Core
...

Il comitato Porto d’Ascoli Centro denuncia il proliferare di baby gang nel quartiere

 

di Giuseppe Di Marco

 

Schiamazzi a tarda ora della notte, deiezioni sui portoni delle abitazioni: i cittadini di Porto d’Ascoli Centro denunciano il proliferare di baby gang nelle aree del quartiere maggiormente frequentate da famiglie e anziani. Il presidente di comitato Elio Core scrive al sindaco Antonio Spazzafumo chiedendo l’installazione di videocamere di sorveglianza.

 

«Da tempo – scrive Core – giungono all’attenzione del comitato di quartiere proteste di cittadini che riferiscono attraverso telefonate, foto e messaggi vocali, il degradante fenomeno che avviene in alcuni punti del quartiere. Mi riferisco a Piazza Cristo Re e allo spazio verde pubblico attrezzato, sito in Via Tronto. Baby gang di varie età durante le ore notturne, come riferiscono i cittadini, sostano in detti punti sino a tarda notte, ponendo in essere schiamazzi, urinando e non solo davanti agli androni delle abitazioni, lasciando bottiglie vuote in plastica e in vetro sul selciato, insomma sporcizia di ogni genere ovunque».

 

Per il presidente di comitato, il fenomeno lederebbe l’immagine di meta turistica che si è costruita nel tempo San Benedetto. «La città e il nostro quartiere non sopportano e non vogliono queste devastanti immagini da terzo mondo – continua Core – essendo peraltro San Benedetto una città a vocazione turistica. Peraltro ciò risulta essere in palese contrasto con gli sforzi fatti dall’Amministrazione comunale e dalla Picenambiente, nell’effettuare una radicale pulizia a favore del decoro urbano proprio nel centro di Porto D’Ascoli».

 

Da qui, la richiesta di apparecchi per la videosorveglianza, specialmente nelle ore notturne. «Allo scopo di prevenire e scoraggiare questi atti di teppismo – conclude la lettera – suggeriamo la presenza di telecamere presso gli spazi sopra citati unitamente ad una maggiore vigilanza delle famiglie nei confronti dei figli e di altri organi preposti. Siamo certi che il sindaco mostrerà sensibilità verso tali problemi. Auspichiamo un immediato intervento e al contempo un confronto anche con il comitato di quartiere per trovare le soluzioni più opportune da intraprendere al fine di risolvere in radice l’inqualificabile fenomeno in atto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X