Quantcast
facebook rss

Tragedia a Castel di Lama: resta incastrato con la testa in un tombino e muore annegato

LA VITTIMA è un uomo di 83 anni, D.C. Il pozzetto nel quale è caduto è largo 50 centimetri per 50 e profondo 70. Al suo interno c'erano non più di 30 centimetri di acqua. I pompieri ed il medico della Potes del 118 di Offida hanno tentato in tutti i modi di rianimarlo. E' accaduto in contrada San Silvestro di Castorano, al confine con Castel di Lama
...

 

 

Una tragica fine per un uomo di 83 anni, D.C., morto annegato dopo essere rimasto incastrato con la testa in un tombino. E’ accaduto intorno alle ore 17 di oggi, 2 novembre, in contrada San Silvestro di Castorano, al confine con Castel di Lama.

 

L’anziano stava probabilmente ispezionando il tombino che si trova sulla sua proprietà, largo 50 centimetri per 50, profondo 70 centimetri. Al suo interno c’erano non più di 30 centimetri di acqua.

 

L’anziano potrebbe essersi spinto più in profondità nel pozzetto, oppure potrebbe essere caduto ed aver perso i sensi. Di fatto non è riuscito a tirarsi fuori.

 

Sono stati i familiari a dare l’allarme. I primi ad arrivare sul posto sono stati i Vigili del fuoco che hanno eseguito il massaggio cardiaco all’83enne che però era già esanime.

 

Le manovre salvavita sono state poi continuate per diversi minuti dal medico arrivato a bordo dell’ambulanza della Potes del 118 di Offida, che però – alla fine – ha dovuto dichiarare il decesso. Era stata anche attivata l’eliambulanza, ma la richiesta è stata annullata.

 

m.n.g.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X