Quantcast
facebook rss

L’ira di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fials: «Dall’Asur zero risposte per 200 contratti precari, proseguiamo con la mobilitazione»

ASCOLI PICENO - La maggioranza sindacale si prepara alle manifestazioni del 24 novembre al "Mazzoni" e del 29 al "Madonna del Soccorso": «Per il 2023 rischiamo un nuovo splafonamento di 350.000 euro»
...

Stefano Sudati (Rsu), Giorgio Cipollini (Cisl), Viola Rossi (Cgil), Gianni Di Domenico (Uil), Fausto Menzietti (Fials)

 

di Giuseppe Di Marco

 

Sigle sindacali sul piede di guerra per salari, ferie e diritti del personale ospedaliero dell’Area Vasta 5. Dopo le proteste di NurSindNursing Up e Usb a parlare è la maggioranza, formata da CgilCislUilFials e Rsu, che annunciano a loro volta il prosieguo della mobilitazione, accreditandosi come uniche sigle deputate a sottoscrivere patti fra le parti.

 

«Questa è l’unica compagine sindacale deputata a trattare fra le parti – afferma Giorgio Cipollini (Cisl) – che poi ci siano altre sigle, non abilitate a firmare alcuna stipula, che per contrapposizione sterile cerchino il consenso pubblico, è legittimo. A questa Area Vasta arrivano 1.490.000 euro in meno l’anno rispetto alle altre. Parliamo di 28 milioni di euro in 20 anni. Questo dimostra che la politica Asur sul territorio è fallita. Dal 31 dicembre le diverse aziende saranno autonome e l’Asur non esisterà più, quindi il riequilibrio economico non potrà essere effettuato. Inoltre rischiamo, in futuro, di ricevere risorse in base allo storico: un ulteriore beffa per il nostro territorio».

 

Le problematiche, nel dettaglio, vengono snocciolate da Stefano Sudati: «Niente è stato risolto di quelle problematiche che avevamo posto in essere – spiega il vice coordinatore della Rsu – dalle trattative aperte il 17 luglio avevamo conseguito un riconoscimento minimo relativo al salario accessorio. Il salario accessorio riguarda la reperibilità, le indennità di turno, le festività, e raggiunge il 30% di salario percepito dal dipendente. Dal 2018 si è chiesto di dividere in tre anni la restituzione dei 945.000 euro di debito accumulato. Il prestito che i dipendenti fanno per auto-remunerarsi lo si sarebbe dovuto saldare entro il 31 ottobre, ma ciò non è avvenuto. Ora si prevede un nuovo ingente splafonamento. Il personale continua lo stato di agitazione perché anche a seguito dell’incontro in Prefettura siamo usciti totalmente insoddisfatti: mai nulla è stato scritto, e si parla di un riconoscimento che ci spetta».

 

Sempre secondo il vicecoordinatore rsu, il problema risiede a monte, e cioè nel fatto che le cinque Aree Vaste ricevono un trattamento diverso per quanto riguarda la distribuzione delle risorse: «Le Marche Sud – continua Sudati – subiscono più delle altre una mancata regolamentazione delle risorse che ci spettano. Un dipendente dell’Area Vasta 5 ha ricevuto mediamente 13.500 euro in meno rispetto alle altre Aree Vaste, ovvero tra i 700 e 800 euro in meno ogni anno. L’assistito, l’utente che paga le tasse per il servizio sanitario, deve sapere che abbiamo circa 200 contratti in scadenza a fine dicembre: se non verranno rinnovati, tra le 6 e le 8 unità operative verranno tagliate. Decenni di sottrazioni ai lavoratori ci hanno fatto arrivare a un punto di non ritorno».

 

La linea viene condivisa anche dalla Cgil: «Da anni siamo succubi di promesse politiche mai mantenute – attacca Viola Rossici eravamo fermati perché l’Asur aveva assunto degli impegni, ovvero la restituzione dei 495.000 euro e l’aumento dei fondi futuri. Oggi invece c’è solo il silenzio più totale. Da gennaio rischiamo di avere risorse assolutamente incapienti e nessuna risposta relativa ai precari: tra poco più di un mese andranno a casa? In quel caso i servizi verranno chiusi. Siamo totalmente privi di una programmazione per il periodo che verrà».

 

Dal canto suo, Gianni Di Domenico (Uil) ha rimarcato come i dipendenti in forse abbiano rappresentato la prima linea contro la pandemia. Fausto Menzietti (Fials), ha invece sottolineato l’importanza di ripristinare la necessaria equità fra le diverse realtà sanitarie del territorio: «Non intendiamo togliere nulla alle altre Aree Vaste – ha concluso il sindacalista – chi ha di meno, semplicemente, deve essere riportato ad un livello accettabile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X