Quantcast
facebook rss

Il tragico tamponamento nella galleria dell’autostrada: deceduto anche l’autista del tir

DOPO la morte, sul colpo, del 61enne Sergio Mazzagufo di Monteprandone che si trovava alla guida del camion sopraggiunto alle spalle del mezzo pesante in coda nella galleria Montesecco sulla corsia sud, nella notte è deceduto anche il conducente del mezzo tamponato. Si tratta del 51enne Marco Cassano, originario di Sassari ma residente a Castelfidardo (Ancona) il quale era stato sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale di San Benedetto 
...

I due mezzi pesanti rimasti coinvolti

 

di Andrea Ferretti

 

Doppia tragedia sull’autostrada A14 dove ieri un terribile tamponamento è risultato fatale per il 61enne Sergio Mazzagufo che si trovava alla guida del camion della “Lavanderia Orsini” che si è schiantato contro un tir fermo sulla corsia di marcia, in coda per i rallentamenti dovuti ai lavori in corso e ai restringimenti di corsia.

 

Lo schianto, e nel riquadro, Sergio Mazzagufo

E’ accaduto quasi alla fine della galleria di Montesecco, in direzione sud, tra i caselli di Grottammare e San Benedetto.

 

La scorsa notte è infatti deceduto anche l’autista del mezzo pesante che è stato tamponato, il 51enne Marco Cassano, residente a Castelfidardo (Ancona), ma originario di Sassari. Quest’ultimo era rimasto ferito.

 

Mentre per Mazzagufo non c’è stato niente da fare, con i Vigili del fuoco che hanno estratto il corpo senza vita rimasto imprigionato tra le lamiere, l’autista del tir è stato trasportato in codice rosso all’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

 

I sanitari del Pronto Soccorso lo hanno subito dirottato in Chirurgia dove l’equipe medica ha proceduto  a un intervento chirurgico che si è concluso a tarda sera.

 

Ma il 51enne non ce l’ha fatta, e nel corso della notte le sue condizioni sono repentinamente peggiorate fino al decesso.

 

Tamponamento tra due mezzi pesanti sulla A14: muore il 61enne Sergio Mazzagufo di Monteprandone 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X