Quantcast
facebook rss

Cantieri alle superiori, si comincia a fine gennaio: i ragazzi del Classico non dovranno trasferirsi

SAN BENEDETTO - Per evitare lo spostamento delle sezioni i lavori verranno effettuati per gradi. Qualora si rendesse necessario, alcuni uffici del Classico verrebbero trasferiti nei locali dello Scientifico, in modo da liberare spazio nel plesso d'origine
...

L’Itc “Capriotti”

 

di Giuseppe Di Marco

 

Cominceranno fra fine gennaio e inizio febbraio, i lavori di messa a norma delle scuole superiori di San Benedetto. Gli interventi, finanziati dalla Provincia di Ascoli Piceno, coinvolgeranno sia  l’Istituto Tecnico Commerciale “Capriotti” sia il Liceo Classico “Leopardi”. In quest’ultimo caso, contrariamente a quanto si era inizialmente ipotizzato, gli studenti non saranno costretti a trasferirsi in un altro plesso.

 

Alcuni mesi fa, infatti, in Provincia si era pensato di trasferire momentaneamente alcune sezioni del Classico nei locali dove attualmente si trova l’Utes. Il contratto di locazione che consente all’università di stare nello Scientifico, infatti, scadrà a fine marzo. In questi spazi, però, molto probabilmente verranno temporaneamente trasferiti alcuni uffici del Classico, mentre gli studenti potranno fare lezione nei locali del proprio edificio che nel frattempo si saranno liberati.

 

Inoltre, per evitare che i rumori del cantiere possano disturbare le lezioni, la Provincia farà eseguire i lavori soprattutto nelle ore pomeridiana. Bocciata, infine, anche l’ipotesi delle turnazioni. Va ricordato che Palazzo San Filippo ha deciso di investire ben 4 milioni di euro nel restyling dell’Itc, 1 milione di euro per i lavori al Classico e oltre 2.431.000 euro nella manutenzione straordinaria dell’Ipsia “Guastaferro”, dove sono stati già ultimati lavori per 750.000 euro.

 

Infine per l’Istituto Tecnico “Fazzini” di Grottammare è previsto l’adeguamento sismico e completamento dell’aula magna per una spesa complessiva di oltre 3.700.000 euro, mentre per l’Istituto Magistrale “Mercantini” di Ripatransone è previsto il miglioramento sismico dell’intero edificio per 1.650.000 euro. L’investimento iniziale, a causa del caro materiali, dovrà essere aumentato del 15-20%, ma sarà interamente coperto dai fondi ministeriali intercettati dall’ente provinciale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X