Quantcast
facebook rss

Castelli alla Ricostruzione, Giovani Democratici: l’augurio di buon lavoro, ma anche le critiche 

SISMA - Non è piaciuta ai rappresentanti del gruppo marchigiano  la scelta della Meloni di nominare il senatore ascolano commissario: «Legnini ha lavorato bene. Non è incoraggiante sapere che questa nomina e la delega alla ricostruzione della sottosegretaria Lucia Albano abbiano solo ragioni di interesse partitico»
...

 

 

Guido Castelli nuovo commissario alla Ricostruzione: una nomina che ha fatto esultare il centrodestra marchigiano. A fare da contraltare ai plausi,  l’aspra critica del gruppo regionale Partito democratico che ha chiesto a Castelli di dimettersi da senatore.

 

Finisce così il mandato commissariale di Giovanni Legnini durato oltre 34 mesi.

 

E oggi sulla questione intervengono anche i Giovani Democratici delle Marche: «Come giovani che vivono l’Appennino marchigiano e centrale ci sentiamo di ringraziare Legnini non solo per il lavoro svolto e per aver dimostrato capacità eccellenti nel suo lavoro commissariale, ma perché ha messo tutto il suo spirito di sacrificio e il suo cuore per le popolazioni colpite che ancora oggi, a 6 anni da quel dramma, soffrono e sono in difficoltà enormi.

Volevamo solo dire che noi ce ne siamo accorti, grazie davvero.

 

Sotto il suo mandato il suo staff, i tecnici, gli uffici di ricostruzione hanno fatto sì che famiglie tornassero a casa, lavoratori mantenessero le loro attività e imprese vedessero le loro aziende ritornare all’opera.

Tante soprattutto le semplificazioni e accelerazioni burocratiche, tra tutte il Testo unico della ricostruzione privata. Purtroppo tutto questo è stata una piccola parte di quello che complessivamente servirebbe. Sarebbe stato necessario prolungare tale operato.

D’altra parte la nomina del senatore Castelli, così per com’è arrivata, riprende un sistema di bottino per cui ogni posizione dirigenziale deve per forza di cose essere della stessa posizione politica del nuovo governo.

Il partito della Meloni si legge ancora nella nota dei Giovani Democratici –  tramite il presidente Acquaroli ha preso la decisione di non rispettare il popolo colpito, i cittadini.

Tantissime erano infatti le associazioni, le amministrazioni, le imprese locali, i sindacati, gli ordini professionali di tutto il territorio dell’entroterra, e in particolare della zona montana delle province di Macerata, Fermo e Ascoli, che avevano firmato appelli e supplicato regione e governo nazionale di non sostituire il commissario Legnini.

Perfino le istituzioni religiose si sono fatte sentire con lo stupore manifestato ieri da sua eccellenza Boccardo vescovo di Spoleto – Norcia».

 

«Al senatore e futuro commissario Castelli – sono ancora le parole dei Giovani Democratici delle Marche auguriamo buon lavoro per il bene di tutte le popolazioni del territorio del cratere sismico e dei giovani che vi abitano e che sperano di costruire qui le proprie vite.

Di certo non è incoraggiante sapere che questa nomina e la delega alla ricostruzione della sottosegretaria Lucia Albano abbiano solo ragioni di interesse partitico, e non è bello non ricordare e escludere dai saluti nella nuova veste la Regione Lazio e il suo presidente solo perché di altra provenienza politica.

Un ruolo tecnico che tratta dei drammi della vita di tante persone deve iniziare meglio. Ogni azione sarà valutata in maniera approfondita anche per questo, il monitoraggio è costruttivo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X