Quantcast
facebook rss

Chiude la scuola dell’Infanzia di San Pio X: in paese scoppia la polemica

SPINETOLI - Il sopralluogo effettuato a dicembre dall’Unità operativa complessa di Igiene e sanità pubblica dell’Ast, su segnalazione di alcuni genitori, ha evidenziato diverse carenze strutturali del plesso, costringendo il sindaco Luciani a chiudere la struttura per tutta la settimana. Probabile presenza di amianto sul tetto e altri problemi igienico-sanitari e di sicurezza. Stasera assemblea pubblica per analizzare la situazione insieme alla cittadinanza e alle famiglie interessate
...

 

di Federico Ameli

 

Dopo lo spostamento temporaneo della segreteria della scuola media Giovanni XXIII a Monsampolo e l’addio al plesso di Colli, che tanto avevano fatto discutere in paese a cavallo tra novembre e dicembre, un’altra bufera si abbatte sull’Isc Spinetoli-Acquaviva e sul Comune rappresentato dal sindaco Alessandro Luciani.

Il sindaco Alessandro Luciani

 

Questa volta a finire al centro del dibattito è il destino della scuola dell’infanzia di San Pio X, per la quale l’Amministrazione comunale aveva programmato una riqualificazione attingendo ai fondi del Pnrr ma che ora deve fare i conti con una chiusura prolungata anche al termine delle vacanze natalizie in seguito al sopralluogo svolto lo scorso 21 dicembre dai funzionari dall’Unità operativa complessa di Igiene e sanità pubblica dell’Ast di Ascoli.

 

Nel corso dell’ispezione – svolta su segnalazione di alcuni genitori alla Procura – sono emerse infatti diverse criticità che hanno di fatto costretto il sindaco Luciani a disporre la chiusura della scuola fino a venerdì 13 gennaio, in attesa di individuare la soluzione migliore per proseguire l’attività didattica in tutta sicurezza.

 

In particolare, tra le problematiche igienico-sanitarie riscontrate dall’Ast spicca la probabile presenza – attualmente in corso di valutazione – di amianto tra le canne fumarie del tetto della scuola, di un filo scoperto e di una recinzione metallica esterna potenzialmente pericolosa per gli alunni, oltre a una mediocre condizione dei locali della mensa, alla carenza di vasetti e lavabi in relazione al numero dei bambini e all’assenza di parapetti in corrispondenza di alcune finestre e di protezione antiscivolo dell’uscita di sicurezza.

Il sindaco Alessandro Luciani insieme ai componenti della giunta comunale in occasione dell’assemblea pubblica dello scorso 1 dicembre

 

Motivazioni più che sufficienti per invitare l’Amministrazione comunale a provvedere al più presto a una ristrutturazione del plesso in linea con le normative vigenti e a convincere il sindaco Luciani a tutelare la salute di insegnanti, alunni e personale scolastico disponendo la chiusura della scuola dell’infanzia.

 

Una questione decisamente spinosa, che il primo cittadino approfondirà questa sera, mercoledì 11 gennaio, nell’aula consiliare del palasport di Pagliare, dove a partire dalle 21,15 è indetta una assemblea pubblica per discutere sul da farsi insieme alla cittadinanza e alle famiglie interessate.

 

Scuola, il sindaco Luciani rassicura genitori e insegnanti: «L’Isc non verrà smantellato»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X