Quantcast
facebook rss

Cgil, Barbara Nicolai confermata segretaria generale

AL TERMINE del congresso che si è tenuto al "Villa Picena" di Colli del Tronto, è stata rieletta con 39 voti a favore, 5 astenuti e 4 contrari. «Al centro del nostro dibattito il rafforzamento delle infrastrutture territoriali, la Sanità pubblica, i trasporti, la battaglia per i beni pubblici»
...

 

Si è tenuto al “Villa Picena” di Colli del Tronto il congresso provinciale della Cgil al quale hanno partecipato 120 delegate e delegati, e una trentina di “invitati”.

 

La relazione introduttiva della segretaria generale Barbara Nicolai ha sottolineato le difficoltà affrontate in questi anni difficili: pandemia, ricostruzione, guerra e inflazione, poi ha tracciato le sfide che la Camera del Lavoro di Ascoli Piceno dovrà affrontare nei prossimi anni.

 

Barbara Nicolai

«Un tavolo per lo sviluppo provinciale. Abbiamo rilanciato con forza questa prospettiva. Il territorio è in grande difficoltà dal punto di vista industriale, e la crescita sembra un miraggio. Per questo – ha detto la Nicolai – chiediamo che si apra con le controparti e le Istituzioni un tavolo permanente sullo sviluppo, perché soltanto con il coinvolgimento di lavoratrici e lavoratori riparte il territorio.

 

Il rafforzamento delle infrastrutture territoriali, della Sanità pubblica, dei trasporti, la necessità di rafforzare la nostra battaglia per i beni pubblici – ha aggiunto – sono stati al centro del nostro dibattito, e sono stato il cardine del documento politico che abbiamo approvato e che rinnova il nostro impegno nel territorio».

 

Nel corso della giornata sono intervenuti quaranta tra delegate e delegati di tutti i settori di lavoro. Infine il congresso ha eletto il nuovo direttivo provinciale, composto da 52 delegati, che ha confermato Barbara Nicolai segretaria generale con 39 voti a favore, 5 astenuti e 4 contrari.

 

«Ci attendono anni impegnativi – la conclusione di Barbara Nicolai – il congresso è un momento importante per una grande organizzazione democratica e antifascista come la Cgil. Un momento di discussione ma anche in cui cambiare le nostre pratiche e rilanciare le nostre battaglie politiche e sindacali. Questo congresso ha tracciato un percorso rinnovato e rafforzato e siamo pronti a percorrerlo con tutte le forze che tutti i delegati nei luoghi di lavoro ci danno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X