facebook rss

Intelligenza artificiale e rischio disoccupazione: Ascoli registra valori sopra la media regionale

REPORT di Confartigianato sull’impatto dell’IA nel mondo del lavoro. Il Piceno è seguito dalla provincia di Macerata con il 25,8% e da quella di Fermo con il 22,2%. Il segretario Giorgio Menichelli: «La sfida sarà quella di formare una classe attenta alle nuove esigenze del mercato»
...
Menichelli_Confartigianato_FF-1-325x217

Giorgio Menichelli

Intelligenza artificiale, lavoro e imprese al centro del nuovo report di Confartigianato, che ha sottolineato come «il mercato del lavoro stia registrando un cambio di paradigma, determinato dalla diffusione di sistemi di IA.

L’impatto di tali tecnologie è in Italia inferiore rispetto alla media dei Paesi UE, ma nonostante questo il 36,2% degli occupati avrà un’esposizione alta all’impatto dell’Intelligenza artificiale sul proprio lavoro – aggiunge l’associazione di categoria – Tale utilizzo interessa soprattutto i processi di produzione, ma anche quelli di marketing e vendite e sicurezza. Una delle questioni aperte sul tema è il “rischio robot”, cioè l’occupazione nelle imprese a rischio automazione, che vede una significativa propensione nel nostro paese (26,4% degli occupati)».

 

«Una situazione – sottolinea Confartigianato – che impatta anche nelle Marche, con una quota di addetti ad alto rischio automazione sopra la media nazionale (27,3% sul totale). Quanto alle province di riferimento, quella di Ascoli vede valori sopra la media, con un alto rischio automazione per il 26,7%.

Il Piceno è seguito dalla provincia di Macerata con il 25,8% e di Fermo con il 22,2%.

Alto rischio che cresce in relazione alle attività artigiane (34,3% ad Ascoli, 31% a Macerata e 27% a Fermo, con una media nazionale del 36,1%).

Quanto ai profili professionali maggiormente richiesti ed esposti a sistemi di IA, le Marche registrano una minore esposizione rispetto ad altre regioni (18,3% sul totale rispetto al 32,5% della Lombardia)».

 

«La disoccupazione tecnologica è un tema discusso e controverso – commenta Giorgio Menichelli, segretario generale Confartigianato – perché a situazioni di sostituzione di lavoro si delineano altri processi che vedranno una collaborazione tra lavoratori e sistemi di IA.

Di sicuro, l’inevitabile cambio di paradigma spingerà gli imprenditori ad accrescere le proprie competenze digitali e sul fronte dell’occupazione pensiamo che la propensione alla scoperta di nuove conoscenze sarà la chiave in cui si giocherà il futuro di tanti lavoratori.

La sfida, infatti, sarà quella di formare una classe attenta alle nuove esigenze del mercato e sotto questo aspetto realtà come Confartigianato possono dare la giusta spinta all’innovazione, accompagnando imprenditori e propri collaboratori nello scoprire le possibilità che si trovano dietro le nuove tecnologie. L’obiettivo è collaborare con l’IA, senza farsi sopraffare o sostituire».

 

Il report ha anche presentato l’Indice Youth-Friendly Confartigianato, che permette una valutazione dell’habitat per imprese e lavoro dei giovani, misurando il grado di apertura verso gli under 35 dei territori italiani seguendo una serie di parametri.

 

Sotto questo aspetto le province di Macerata, Ascoli e Fermo registrano un livello medio-basso di appetibilità.

«Urge quindi – conclude Confartigianato – un maggior stimolo per incentivare gli imprenditori a spingere verso quell’indispensabile crescita tecnologica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X