facebook rss

La vegetazione invade le strade dell’Ascolano, il consigliere comunale Cannella attacca la Provincia

ASCOLI - L'esponente di maggioranza evidenzia le condizioni in cui versano le strade delle frazioni. "Avrebbero dovuto essere già stati  effettuati due interventi di manutenzione, ma siamo arrivati a fine luglio e non è stato fatto niente. Un'incuria che fa correre dei rischi agli utenti
...

 

«Ogni giorno i cittadini delle frazioni di Ascoli sono costretti a percorrere chilometri  di strade, di pertinenza della Provincia, invase da erba e fitta vegetazione, con pericolosi restringimenti delle carreggiate, cartelli stradali quasi invisibili e fermate degli autobus immerse nel verde».

 

Stefano Cannella

Comincia così l’intervento di Stefano Cannella, consigliere comunale di maggioranza del gruppo “Forza Ascloli”, che prosegue: «Siamo ormai arrivati alla fine di luglio, periodo entro cui la Provincia avrebbe dovuto effettuare, quantomeno, due interventi di manutenzione. Invece nulla: né un taglio, né il ripristino di una zanella, né la pulizia dei tombini. Tutto, nelle strade delle frazioni di pertinenza della Provincia, è lasciato all’abbandono. E questo pur sapendo i rischi che gli utenti corrono in caso di incuria delle strade, visto che alcuni eventi atmosferici del passato ci hanno insegnato l’importanza delle manutenzioni.

 

Tra le frazioni in maggiori difficoltà – spiega Cannella – c’è quella di Poggio di Bretta, dove vive il sottoscritto: la strada principale funge da arteria di collegamento con la città per centinaia di utenti che, ogni giorno, hanno enormi difficoltà nel percorrere tale tragitto. La situazione, però, è davvero difficile anche nelle altre frazioni in cui la manutenzione stradale è di competenza della Provincia.

 

È inaccettabile – conclude il consigliere comunale – l’incuria in cui versano questi territori e il rischio quotidiano cui sono esposti gli utenti di tali strade. La Provincia, ente preposto alla manutenzione e alla cura di questi percorsi, deve immediatamente intervenire».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X