facebook rss

Giù dal cavalcavia di Acquasanta: tragica fine di un giovane di 32 anni

IL DRAMMA si è consumato lungo la superstrada Acquasanta-mare all'altezza della contrada Corneto che si trova sotto, lungo la vecchia Salaria, poco prima di arrivare a Centrale. La vittima è di Rovigo, e sui momenti che hanno preceduto la disgrazia stanno indagando i Carabinieri. Un testimone ha intuito quello che stava accadendo ed ha cercato di fermarlo ma non ce l'ha fatta. Inutile l'intervento dei sanitari giunti a bordo delle ambulanze del 118. Sul posto anche i Vigili del fuoco. Dopo l'autorizzazione del magistrato, il corpo trasferito all'obitorio dell'ospedale "Mazzoni" di Ascoli
...

I soccorsi, purtroppo inutili, sul luogo della tragedia

 

di Andrea Ferretti

 

Tragedia ad Acquasanta Terme dove oggi, domenica 23 luglio, intorno a mezzogiorno, si è tolto la vita un giovane di 32 anni. Lo ha fatto lasciandosi cadere dal cavalcavia della superstrada Acquasanta-mare, all’altezza della contrada Corneto che si trova proprio lì sotto, lungo la vecchia Salaria, a poche centinaia di metri – procedendo verso Roma – dalla frazione acquasantana di Centrale.

 

Il 32enne è di Rovigo ed ha raggiunto il cavalcavia a bordo della sua auto che è rimasta sul ciglio della strada. Su questo e altro stanno indagando i Carabinieri che sono intervenuti dalla Stazione di Acquasanta Terme e dal Comando di Ascoli.

 

Sul posto anche l’ambulanza della Croce Verde della Potes di Acqusanta e quella medicalizzata che la centrale operativa del 118 ha inviato da Ascoli. Presenti anche i Vigili del fuoco di Ascoli e la Polizia Municipale di Acquasanta che si è occupata del traffico, ovvero di regolare le auto ma anche la solita macabra curiosità delle persone.

 

Ogni soccorso è stato purtroppo inutile vista la dinamica dell’incidente, ovvero l’altezza da cui il 32enne è precipitato.

 

Un testimone che seguiva l’auto del 32enne, in direzione Acquasanta, a qualche centinaio di metri dalla stazione di servizio, ha visto che ha frenato ed è sceso velocemente dall’abitacolo scavalcando il guard rail. Ha capito costa stava per accadere, ha accelerato per cercare di fermarlo, ma purtroppo non ce l’ha fatta.

 

Il corpo è finito su un terreno agricolo sottostante e l’intera macchina dei soccorsi è ancora lì in attesa dell’autorizzazione del magistrato per la rimozione del corpo, nel frattempo coperto da un pietoso lenzuolo, quindi l’arrivo del furgone delle pompe funebri per il trasferimento all’obitorio dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli.

 

I Carabinieri stanno cercando di ricostruire i momenti che hanno preceduto la disgrazia, e lo stanno facendo soprattutto ascoltando l’uomo che lo ha visto scendere dall’auto e altri eventuali testimoni, alcuni dei quali sono accorsi sul posto quando, purtroppo, per il giovane non c’era più niente da fare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X