Quantcast
facebook rss

Caso Tega, Pd e Udc plaudono a Castelli:
«Ora prenda le distanze dai consiglieri»

ASCOLI - Fioccano le reazioni politiche al defenestramento dell'assessore al bilancio dopo la nascita della Picchio Gas. Ameli: «Il sindaco ha fatto quello che gli abbiamo chiesto». Viscione: «Si respirava una brutta aria in città»
...

«Il sindaco ha fatto bene, ma ora prenda le distanze anche dai consiglieri comunali coinvolti nella picchio Gas». E’ il messaggio che arriva dal capogruppo del Pd, Francesco Ameli dopo il terremoto politico che ha scosso la maggioranza di centro destra.

Francesco Ameli

«Come chiesto dall’opposizione e da tanti cittadini ascolani sono state rimosse le deleghe all’assessore Tega -afferma Ameli- Bene ha fatto il Sindaco nell’operare questa scelta. Auspichiamo che quest’ultimo prenda anche le distanze dai consiglieri comunali coinvolti. La decisione apre ora due riflessioni di carattere politico. La prima rimette al centro la gestione della “res publica” da parte dell’amministrazione comunale che troppo spesso ha agito nell’interesse di pochi e non di tutti. La seconda invece riguarda l inizio di una nuova fase politica in città che non può prescindere da quanto avvenuto in questi giorni e che vedrà protagoniste le forze politiche alternative all’amministrazione Castelli». Anche il capogruppo dell’Udc, Francesco Viscione è sulla stessa lunghezza d’onda.

Francesco Viscione

«Anche se non illegale la vicenda della Picchio Gas -afferma V iscione- è stata sicuramente inopportuna. Il sindaco ha fatto bene a ritirare le deleghe a Tega poiché in città iniziava a respirarsi una brutta aria. Ora gli chiedo di prendere le distanze anche dagli altri consiglieri coinvolti che non può revocare ma da cui si può distinguere».

 

Picchio Gas, il Pd chiede le dimissioni di Tega Intanto lascia anche Peppe Marini

Il sindaco Castelli licenzia Tega, terremoto in Comune sul caso del gas


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X