Quantcast
facebook rss

L’Ascoli si è salvato due volte
proprio col Brescia negli anni ’80
Venerdì sarà la partita dell’anno

SERIE B - Il campionato 1980-1981 si chiuse proprio con Ascoli-Brescia: lo 0-0 salvò i bianconeri di Mazzone mentre i lombardi retrocessero in B per differenza reti nella classifica avulsa. Nel 1986-1987 la squadra di Castagner vinse (1-2) in rimonta al “Rigamonti” nella penultima partita, poi fu festa al "Del Duca" col Napoli scudettato di Maradona. Strano il comportamento dell’Empoli che ha inguaiato la squadra di Cellino complicando la salvezza del Picchio
...

La gioia dei bianconeri dopo il gol di Bianchi che ha deciso Pescara-Ascoli (Foto Edo)

di Bruno Ferretti

Grande è stata la gioia dei bianconeri per la vittoria a Pescara, assai più netta di quanto indica il risultato. Ma i risultati delle rivali ne hanno parzialmente ridotto il valore. Certo è che senza quei tre punti la situazione sarebbe ben peggiore. E’ risaputo che nei finali di campionato possono verificarsi risultati… sorprendenti. Come sorprendente in queste ultime partite è stato l’Empoli che dopo aver pareggiato contro squadre oggettivamente inferiori come Novara, Carpi e Cremonese, è andato a vincere a Brescia, prossimo avversario dell’Ascoli al “Del Duca” venerdì 18 maggio. Con un pareggio il Brescia, a quota 48, si sarebbe messo a sicuro, come ha fatto la Cremonese battendo il Venezia, invece è rimasto a 47 e adesso cercherà la salvezza al “Del Duca”. Aumentano, e non poco, le difficoltà dell’Ascoli perché il Brescia avrà a disposizione due risultati su tre, mentre l’Ascoli solo vincendo conquisterà la salvezza diretta. Venerdì sera sarà uno spareggio da… sconsigliare ai deboli di cuore. Il popolo bianconero, insomma, dovrà soffrire fino all’ultimo minuto dell’ultima partita. Se riuscirà a raggiungere il traguardo la gioia sarà ancora più grande, ma battere il Brescia, altrettanto affamato di punti, non sarà così facile. Dando quasi per scontato il pareggio in Cesena-Cremonese, le altre partite  decisive della zona salvezza saranno: lo scontro diretto Novara-Entella, Venezia-Pescara e Ternana-Avellino. Sono già retrocesse Pro Vercelli e Ternana ma gli umbri contro l’Avellino potrebbero giocare una partita vera per salutare i propri tifosi e.. la serie B. Gli irpini avranno motivazioni maggiori ma… chissà.

I tifosi del Picchio all’Adriatico (Foto Edo)

Tornando al Brescia, ricordiamo che negli anni ’80 è retrocesso per ben due volte (dalla serie A in B) a causa dell’Ascoli. Nel campionato 1980-1981, l’ultima partita di campionato – come stavolta – fu proprio Ascoli-Brescia. All’andata i bianconeri di Mazzone si erano imposti al “Rigamonti” (0-1, gol di Torrisi). Al “Del Duca”, il 24 maggio 1981, Ascoli-Brescia finì 0-0 e ben 5 squadre chiusero alla pari al terz’ultimo posto con 25 punti (il campionato era a 16 squadre): Avellino, Ascoli, Udinese, Como e Brescia. Quest’ultimo retrocesse per la peggiore differenza reti nella classifica avulsa e scese in B con Pistoiese e Perugia. Nella penultima partita del campionato 1986-1987 l’Ascoli di Castagner vinse in rimonta a Brescia (1-2, gol di Gritti, autorete di Bonometti e Scarafoni). Il gol decisivo a 3 minuti dal 90’. Era il 10 maggio 1987. La successiva ultima partita al Del Duca contro il Napoli (1-1, Carnevale e Barbuti) fu poco più di un’amichevole poichè i partenopei di Maradona festeggiarono lo scudetto. L’Ascoli si classificò quart’ultimo salvandosi con 23 punti mentre il Brescia (22) Il Brescia retrocesse con Atalanta (21) e Udinese (15), quest’ultima a causa di 9 punti di penalizzazione. Ma il passato… è passato. Conta il presente. Venerdì sera al “Del Duca” andrà in scena la partita dell’anno. Una partita da vincere.

Un Ascoli super trionfa a Pescara ma resta in zona playout Sarà salvo battendo il Brescia (Foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X