facebook rss

Scuola media di Monticelli,
le voci dei genitori
sul plesso di via Sardegna

ASCOLI - «C'è l'autobus gratuito messo a disposizione dal Comune e mi sento di ringraziare dirigenza, docenti e tutto il personale per l'eccezionale lavoro di ogni giorno, fatto con impegno e dedizione. Il problema e il disagio dell'ubicazione però restano, tanto più che ho letto che non mancano né i fondi né il progettista, quindi che cosa si sta aspettando?»

La struttura di via Sardegna (foto Google)

di Giorgio Tabani

«Malissimo, non mi capacito di come sia possibile che ad anni di distanza la situazione sia ancora questa. Noi abitiamo a due minuti a piedi dalla scuola di Monticelli, ma ora sono costretto a prendere e portare mio figlio ogni giorno qui in via Sardegna». Così Marco, uno dei tanti genitori che si affollano all’orario di uscita dell’Isc “Don Giussani Monticelli” nell’angusta parte finale di via Sardegna ad Ascoli. Di recente era intervenuta la dirigente scolastica, Cinzia Pettinelli, da cui dipende la secondaria di primo grado (media), la primaria e l’infanzia Poggio di Bretta, Marino del Tronto e “Don Giussani”.

«La scuola più nuova ora è la più disastrata, com’è possibile?» continua Marco. «Io sarei anche affezionata a questa zona – aggiunge Laura – perché da bambina la frequentavo. Così però non è possibile, la vedi quant’è stretta la strada? Negli orari di arrivo e partenza si ingolfa tutto, ci fermiamo dove possibile, anche in mezzo alla carreggiata, e poi diventa difficile persino fare manovra e uscire».

Il cancello del retro delle Industriali (foto Google)

«Il disagio c’è, purtroppo, anche perché veniamo da Castel di Lama: abbiamo fatto elementari e medie a Monticelli, ma adesso dobbiamo arrivare fino a qui. Il grandissimo problema è poi il parcheggio» commenta Carlo. «Menomale che la chiesa lascia aperto il cancello, per permetterci di entrare, altrimenti non so proprio come faremmo. Una volta, con il cancello del retro delle Industriali aperto, si riusciva almeno a far manovra ma ora è sempre chiuso» aggiunge un’altra madre.

«C’è l’autobus gratuito messo a disposizione dal Comune e mi sento di ringraziare dirigenza, docenti e tutto il personale per l’eccezionale lavoro di ogni giorno, fatto con impegno e dedizione. Il problema e il disagio dell’ubicazione però restano, tanto più che ho letto che non mancano né i fondi né il progettista, quindi che cosa si sta aspettando?» interviene un altro padre.

La Chiesa di San Filippo e Giacomo in via Sardegna

C’è però anche qualche voce controcorrente: «Io vengo da Rosara e ho scelto questa scuola invece di quella a Porta Cappuccina. Il giro che devo fare per arrivare qui è molto più breve, quindi per me è meglio così» commenta una coppia di genitori. «Mia figlia è iscritta da poco, siamo di Venagrande, e quindi per me l’ubicazione è persino meglio, ma so per certo che purtroppo per gli altri genitori, originari della zona di Monticelli, è un grosso problema».

Scuola media di Monticelli, messa in sicurezza al palo La dirigente Cinzia Pettinelli: «Cosa si aspetta a far partire i lavori di adeguamento?»

Isc “Don Giussani Monticelli”: «Rivogliamo la nostra scuola nel quartiere»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X