facebook rss

Prima il Daspo di 8 anni,
poi l’arresto dei Carabineri:
torna in carcere il 43enne ascolano

ASCOLI - Alcuni giorni fa il provvedimento del questore, ora l'arresto dei militari dell'Arma che lo hanno riportato dietro le sbarre di Marino del Tronto. Era stato condannato a dieci anni e mezzo e al pagamento di una multa di 50.000 euro per reati di droga

Una pattuglia di Carabinieri di Ascoli davanti la caserma, sede della Stazione e del Comando provinciale

I Carabinieri della Stazione di Ascoli aspettavano il momento buono per acciuffarlo e alla fine l’hanno fermato e condotto in caserma, arrestandolo. Di nuovo nei guai l’ascolano P.C. di 43 anni, vecchia conoscenza delle forze del’ordine, raggiunto da un ordine di carcerazione firmato dalla Procura della Repubblica di Ascoli. Deve scontare una pena di ben dieci anni e mezzo di reclusione per reati di droga.

Era libero, ma sottoposto a una misura alternativa. Che però, evientemente, non ha rispettato come previsto dalla legge. Per questo per lui si sono riaperte le porte del carcere. Si tratta della stessa persona che alcuni giorni fa è stata raggiunta dal “Daspo fuori contesto” firmato dal questore di Ascoli. Un Daspo record, addirittura di otto anni.

I suoi sono reati commessi ad Ascoli nel 2013 e nel 2014. L’uomo, che ora si trova nella casa circondariale di Marino del Tronto a disposizione della Procura, deve anche pagare una multa di 50.000 euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X