facebook rss

Incubo A14, tuonano le istituzioni
Il sindaco Fioravanti: «Adesso basta!»
Anna Casini: «Subito la terza corsia»

VIABILITA' - Immediata la reazione del sindaco di Ascoli e della vice presidente della Regione Marche, alla decisione di chiudere il tratto autostradale tra Grottammare e Val Vibrata per ispezioni all'interno della galleria Colle di Marzio. Code e disagi per tutto il giorno sulla Statale Adriatica dove si è riversato il traffico

Auto in coda sulla A14

Code anche oggi sul tratto piceno della A14, fino a 10 chilometri in mattinata, sui 3 nel tardo pomeriggio con intasamenti in uscita a Pedaso e Grottammare verso sud e in entrata a San Benedetto verso nord “per traffico intenso”, recitava il bollettino. Stavolta per l’inaspettata chiusura tra Grottammare e Val Vibrata «per ispezioni ordinarie all’interno della galleria Colle di Marzio (in corrispondenza del km 313) programmate per la notte scorsa ma che necessitano di ulteriori verifiche», ha precisato Autostrade per l’Italia.  Una situazione che riporta in auge uno dei principali problemi della viabilità, per tutto il territorio perchè riguarda l’autostrada ma inevitabilmente investe la Statale Adriatica, dove si riversa gran parte del traffico. I disagi, è da un po’ che si dice e da più fronti, investono settori nevralgici come il commercio ed il turismo.

Anna Casini (foto Vagnoni)

E c’è da preoccuparsi anche per la sicurezza. «Oltre ad ever denunciato da giugno danni di natura economica – tuona Anna Casini, vice presidente della Regione Marche – mi preoccupa soprattutto il problema della pubblica incolumità legata alla maggiore probabilità di incidenti. La vita dei cittadini e l’economia non possono essere condizionate da azioni di ispezioni ordinarie. L’incubo che sono costretti a vivere i cittadini marchigiani ed abruzzesi conferma, qualora fosse necessario, l’urgenza di provvedere alla realizzazione della terza corsia sulla A14 rinviata per miopie politiche già troppe volte».

Marco Fioravanti

E non è da meno il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti: «Adesso basta, state uccidendo il nostro territorio! Ancora una volta Ascoli e il Piceno risultano fortemente penalizzati da decisioni scellerate! L’ennesima mazzata per chi ha attività nel nostro territorio o per chi vuole visitare le nostre zone per gite turistiche! Siamo stufi di essere martoriati ogni giorno, adesso basta davvero! Faremo sentire la nostra voce per mettere la parola fine a questo scempio!»

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X