facebook rss

Le morti sospette alla Rsa di Offida:
l’infermiere per ora resta in carcere

ASCOLI - I giudici del Tribunale del Riesame non hanno accolto l'istanza dei difensori di Leopoldo Wick in merito alla insussistenza dei motivi della custodia cautelare

I giudici del Tribunale del Riesame di Ancona (leggi l’articolo) hanno respinto il ricorso presentato dagli avvocati Luca Filipponi e Tommaso Pietropaolo per la scarcerazione dell’infermiere Leopoldo Wick accusato delle morti sospette alla Rsa di Offida.

Resta in piedi quindi l’ordinanza firmata dal gip del Tribunale di Ascoli, Annalisa Giusti, sulla base delle indagini condotte per quasi due anni dalla Procura e non ancora terminate.

Si attende ora il pronunciamento dello stesso gip ascolano sulla richiesta di incidente probatorio richiesto dalla Procura stesso per “cristallizzare” con valore di prova processuale gli esami del sangue sugli anziani deceduti alla Rsa.

Agli atti dell’indagine ci sono i campioni prelevati sui corpi di Vincenzo Gabrielli e Lucia Bartolomei oltre ad altri prelievi  e referti medici.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X