facebook rss

C’è sempre meno acqua,
scattano le prime chiusure notturne

ASCOLI - Dal 27 luglio parte il razionamento lungo la vallata del Tronto e nel quartiere Ponte Rotto di San Benedetto. Il capoluogo piceno sarà rifornito dall'impianto di Castel Trosino

di Renato Pierantozzi

Emergenza idrica, scattano le prime chiusure notturne dal 27 luglio nella fascia oraria 22 – 6,30.

Si salvano Ascoli, Folignano e Maltignano grazie all’impianto di soccorso di Castel Trosino al pari di Porto d’Ascoli, rifornito dal pozzo di Fosso dei Galli, e gran parte di San Benedetto.

La situazione è sempre più drammatica e alla Ciip stanno raschiando il fondo del barile.

«L’appello è di non sprecare l’acqua – dice l’ingegnere Massimo Tonelli visto che ancora oggi registriamo picchi di consumi dalle ore 17,30 in poi presumibilmente per le persone che annaffiano l’orto. Se riuscissimo ad esempio a risparmiare 5 litri al secondo significherebbe lasciare l’acqua a 1.800 persone».

Una delle vasche dell’impianto Ciip di Castel Trosino (Foto Vagnoni)

Nel Piceno, le chiusure interesseranno le seguenti zone: Castorano (centro urbano, Gaico, San Silvestro), Spinetoli (Pagliare del Tronto), Offida (zona Cappuccini e centro urbano), Acquaviva Picena (centro urbano, contrade Colle in su e San Vincenzo), Monteprandone (Centobuchi), Monsampolo (Stella), San Benedetto (zona Ponte Rotto e zona industriale di Acquaviva)

Data la precaria situazione dell’approvvigionamento, la Ciip ha chiesto a tutti i Comuni di sensibilizzare l’utenza al contenimento dei consumi, chiedendo la pubblicazione di idonee ordinanze sindacali, raccomandando a tutta la cittadinanza di utilizzare l’acqua con oculatezza e per le sole esigenze igienico-potabili, specificando che utilizzi non consentiti, quali innaffiare orti e giardini, cortili, lavare automezzi, pulire strade e marciapiedi con l’acqua potabile sono proibiti.

E’ stato anche chiesto alle varie Polizie Municipali di vigilare sul corretto uso della risorsa idrica e di applicare ai trasgressori le sanzioni previste dalle normative.

Sorgenti a secco, si punta agli invasi di Talvacchia e Gerosa Inquinamento, foci dei fiumi ok

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X