facebook rss

Nottata tranquilla
per le Forze dell’ordine
sia ad Ascoli che in Riviera

PICENO - Controlli a tappeto e pattuglie rinforzate su tutto il territorio. Diverse le telefonate giunte al 113 per schiamazzi e musica ad alto volume, ma tutto si è risolto all'arrivo di uomini e donne in divisa

Le forze dell’ordine, scese in campo con più uomini e donne del solito, hanno contribuito alla buon riuscita della “Notte di San Lorenzo” sia ad Ascoli che in Riviera. Con particolare attenzione rivolta al capoluogo dove il 10 agosto è stato vissuto, come da tradizione, all’insegna della “Notte dei Desideri”.

Controlli ad Ascoli

ASCOLI – Al 113 sono giunte telefonate di cittadini che protestavano per schiamazzi in prossimità di Corso di Sotto, nel cuore del centro storico. E’ intervenuta una Volante della Polizia che, poco distante (Piazza Sant’Agostino), ha trovato una trentina di giovani che parlavano tra loro. Le vie e le rue della zona avevano prodotto l’effetto di… cassa di risonanza aumentando i “decibel”.

Tra le telefonate giunte al 113 anche quella di un prete che ha trovato uno smartphone dalle parti di Piazza della Viola, e lo ha consegnato agli agenti proprio mentre il telefonino squillava. Era il proprietario dello smartphone, un ascolano di 19 anni, che temeva di parlare con un ladro che – come spesso accade in questi casi – avrebbe chiesto denaro per restituire il telefono. Ma così non era, e allora si è recato in Questura dove lo smartphone gli è stato riconsegnato.

Controlli a San Benedetto

SAN BENEDETTO – Diversi gli interventi delle pattuglie del locale Commissariato. Sono iniziati nel pomeriggio quando una persona ha consumato un caffè in un bar andandosene senza pagare. Non era la prima volta che si comportava così, e allora ai poliziotti non è rimasto che mettere in guardia il titolare del bar a non servire più nulla a quel tizio.

Intervento anche al Centro commerciale “Porto Grande” di Porto d’Ascoli dove l’addetto alla vigilanza aveva appena avuto un alterco con una donna che non ne voleva sapere di indosssare la mascherina. All’arrivo dei poliziotti lei si era dileguata, ma potrebbe essere rintracciata e sanzionata.

In uno chalet, invece, sono stati segnalati alcuni ragazzini che – secondo la telefonata – avevano danneggiato la postazione del bagnino addetto al salvamento. I poliziotti hanno appurato che si trattava semplicemente di una ragazzina che era salita su quella postazione.

Altra segnalazione ha riguardato musica ad alto volume in prossimità di viale de Gasperi. I poliziotti hanno appurato la fonte, l’area dell’Albula dovesi trovano alcune discoteche. Si sono recati dai propretarii dei locali nvitandoli a ridurre l’audio.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X