Quantcast
facebook rss

Notte dei Desideri: bene l’abbigliamento,
meglio la ristorazione,
calca solo nelle vie più strette (Le foto)

ASCOLI - Gli spettacoli un po' penalizzati dal numero chiuso. Tante le persone che si sono riversate nelle piazze e nelle strade. Non come nelle precedenti edizioni o Carnevale, ma molti senza mascherina
...

 

Partecipazione e acquisti sì, seppur contenuti, calca e disordini no.

Almeno nelle attività commerciali, nei locali e durante gli spettacoli.

Casi in cui l’Arengo, nel confermare il regolare svolgimento della serata (leggi qui) aveva imposto regole severe, come utilizzo dei dispositivi di sicurezza, ingressi contingentati e posti limitati con obbligo di prenotazione per gli eventi che non hanno registrato il “tutto esaurito”.

Non c’era nemmeno la calca che ha caratterizzato l’evento nelle precedenti edizioni o che si è soliti vedere a Carnevale.

Le principali piazze hanno permesso di garantire il distanziamento sociale. Un po’ più complicato nelle vie più strette, come si può vedere dalle foto.

La nota del Comune aveva esteso «l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza».

Molti invece non avevano mascherine, confermando in parte i timori espressi da numerosi cittadini alla vigilia dell’evento e fino a poche ore prima dell’inizio (leggi qui).

La “Notte dei Desideri”, tutto sommato, ha centrato gli obiettivi degli organizzatori e dell’Amministrazione comunale.

In tanti erano a caccia di sconti.

Le attività commerciali hanno proposto saldi a salire con il trascorrere delle ore, dal 20% fino al 60%.

Le principali vie e piazze cittadine hanno visto la presenza di famiglie e giovani.

Bar e ristoranti hanno lavorato favoriti dagli spazi esterni e dalla bella giornata.

Bene l’abbigliamento, ancor meglio la ristorazione.

A vigilare sugli assembramenti la massiccia presenza delle forze dell’ordine e del servizio di vigilanza privata che ha controllato gli ingressi ed il rispetto delle norme anti contagio delle attività commerciali. 

La “Notte dei Desideri” è andata sfumando dopo le 3 di notte.

Gli appuntamenti musicali hanno destato curiosità ma il sistema delle prenotazioni per potervi assistere ha un po’ frenato le presenze al chiostro di Sant’Agostino, nei giardini di Palazzo Arengo, in piazza Ventidio Basso e al chiostro di San Francesco.

Nottata tranquilla per le Forze dell’ordine sia ad Ascoli che in Riviera


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X