facebook rss

Ascoli, altra prova tosta per i bianconeri:
sfida alla Salernitana dell’ex Castori

SERIE B - Superata l'ansia Covid della vigilia, la squadra di Bertotto è attesa all'Arechi dalla formazione granata, ancora imbattuta in questo inizio di campionato. Il tecnico bianconero ha chiesto continuità ai suoi e medita qualche cambio di formazione. Castori elogia il Picchio: «Hanno giocatori di qualità, ma noi vogliamo tornare al successo». Calcio d'inizio alle ore 14, arbitra Giua

di Salvatore Mastropietro

A tre giorni dalla vittoria nel turno infrasettimanale contro la Reggiana, per l’Ascoli è già tempo di vigilia. La squadra bianconera scenderà domani in campo contro la Salernitana allo Stadio “Arechi” per la quinta giornata del campionato di Serie B. I piceni si sono avvicinati alla gara dopo una giornata, quella di ieri, abbastanza movimentata a causa della notizia dei 16 positivi rilevati all’interno della rosa degli emiliani, ultimi avversari della formazione di Valerio Bertotto. I tamponi di controllo effettuati dal gruppo squadra hanno dato tutti esito negativo e, dunque, per il momento l’allarme è rientrato. Dopo la consueta rifinitura mattutina, l’Ascoli è partito regolarmente alla volta della città campana.

L’esultanza dopo il gol di Bajic contro la Reggiana

QUI ASCOLI – Il club bianconero è atteso da una trasferta tradizionalmente ostica contro un avversario ancora imbattuto ed allenato dall’indimenticato ex Fabrizio Castori. Mister Valerio Bertotto ha dichiarato in sede di presentazione che si aspetta una partita sicuramente tosta, che i suoi dovranno interpretare al meglio. Un aspetto fondamentale sarà anche l’approccio alla partita sul piano caratteriale, aspetto che finora i bianconeri non hanno mai steccato. Non ci sarà spazio, inoltre, per i tanti errori di finalizzazione commessi nelle precedenti partite e che contro la Reggiana per poco non rischiavano di far svanire la vittoria in una gara dominata.

Bertotto

Il tecnico piemontese non ha escluso qualche cambiamento a livello tattico. Già nell’uscita contro la Reggiana, la squadra è scesa in campo con una sorta di 4-2-3-1. Il modulo in questione – che può diventare anche un 4-3-3 – è quello al momento più probabile, ma non è escluso che possa vedersi qualcosa di nuovo, ad esempio con il passaggio a una difesa a tre con l’inserimento di Avlonitis al fianco di Brosco e Spendlhofer. Confermatissimo Kragl, mentre a centrocampo l’unico dubbio è rappresentato dall’utilizzo di Sabiri, uscito non proprio al massimo nel corso del match di martedì. Proprio l’ex Paderborn, prima di approdare in bianconero, è stato ad un passo dall’approdo alla Salernitana in prestito dalla Lazio. In avanti, considerata l’assenza di Vellios, sarà ancora Bajic, fresco del primo gol stagionale, a guidare il reparto offensivo.

Per la sfida con la Salernitana, Bertotto ha convocato 23 giocatori: Leali, Ndiaye, Sarr, Avlonitis, Brosco, Corbo, Ghazoini, Pucino, Kragl, Spendhofer, Sini, Donis, Cavion, Gerbo, Lico, Sabiri, Saric, Bajic, Cangiano, Chiricò, Matos, Pierini, Tupta. Sono cinque i calciatori indisponibili: Buchel, Mallé, Sarzi Puttini, Tassi, Vellios.

Castori ai tempi dell’Ascoli

QUI SALERNITANA – La formazione allenata da Fabrizio Castori ha avuto un inizio di campionato tutto sommato positivo, in cui sono stati raccolti 8 punti in 4 partite (2 vittorie e 2 pareggi). Nonostante il clima rovente a causa delle contestazioni verso la proprietà, la squadra è riuscita ad isolarsi e a trovare fin da subito una buona quadra. Domani all’Arechi torneranno per la prima volta i tifosi sugli spalti, nel limite dei protocolli e delle normative anti-Covid vigenti.

Il tecnico marchigiano ha messo in guardia i suoi del valore della squadra bianconera: «L’Ascoli è una squadra che pratica un buon calcio, con molti giocatori di qualità. Noi sappiamo di dover fare la nostra partita, mettendo in campo la nostra identità, la nostra personalità e il nostro ritmo. Sarà la terza partita in una settimana – ha continuato – e le cinque sostituzioni permettono di gestire meglio le energie. Vogliamo tornare alla vittoria, dobbiamo mettere in campo la determinazione giusta per ottenere il massimo risultato possibile».

Per il match di domani, Castori dovrà fare i conti con l’assenza di una pedina importante come l’ex Lazio Lombardi. Sono 25 i calciatori granata convocati: Adamonis, Belec, Micai, Aya, Baraye, Casasola, Gyomber, Karo, Lopez, Mantovani, Veseli, Anderson, Capezzi, Di Tacchio, Dziczek, Iannoni, Kupisz, Schiavone, Antonucci, Barone, Cicerelli, Djuric, Giannetti, Gondo, Tutino.

L’esultanza di Scamacca all’Arechi

PRECEDENTI – Salernitana-Ascoli di domani sarà la sfida numero 19 della storia. Il bilancio parla di 8 vittorie dei campani contro le 4 vittorie del Picchio e 6 pareggi. L’ultimo precedente della scorsa stagione è terminato sul risultato di 1-1: a segno per i bianconeri Gianluca Scamacca. L’ultimo successo bianconero risale alla stagione 2008-2009 (1-2 grazie ai gol di Cani e Soncin).

LE PROBABILI FORMAZIONI

SALERNITANA (4-4-2): Belec; Casasola, Aya, Gyomber, Lopez; Kupisz, Di Tacchio, Dziczek, Cicerelli; Djuric, Tutino. Allenatore: Castori.

ASCOLI (4-2-3-1): Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, Kragl; Cavion, Saric; Chiricò, Sabiri, Pierini; Bajic. Allenatore: Bertotto.

Arbitro: Giua di Olbia (assistenti Vecchi di Lamezia Terme e Della Croce di Rimini, quarto ufficiale Massimi di Termoli).

Stadio: Arechi, ore 14.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X