Quantcast
facebook rss

Giovanni Allevi, Gian Luca Gregori
e “Gli angeli del bello”:
sono loro gli “Ascolani dell’anno”

GLI OSCAR assegnati da Cronache Picene quest'anno "premiano" il volontariato dell'associazione che opera per preservare il decoro. E due personaggi di ambito diverso: il neo Rettore della Politecnica delle Marche e l'acclamato musicista al centro di tanti progetti
...

Ecco gli “Ascolani dell’anno” edizione 2020 secondo Cronache Picene. Per l’economia il professor Gian Luca Gregori, Rettore dell’Università Politecnica delle Marche, per il volontariato gli “Angeli del bello” e, per lo spettacolo, il pianista, compositore, scrittore, e ora anche conduttore televisivo, Giovanni Allevi.

Alcuni medici e infermieri del “Mazzoni” di Ascoli

Anche a conclusione di quest’anno la redazione di Cronache Picene ha voluto indicare, a suo modesto giudizio, senza alcuna pretesa assoluta ma quasi per gioco, quegli ascolani che, nei loro rispettivi campi d’azione, si sono particolarmente distinti.

Il 2020 è stato certamente un anno terribile in cui il Coronavirus, oltre a provocare tante vittime e a minacciare la salute di tantissime persone, ha fortemente condizionato tutto e tutti. Ma la città ha dimostrato di saper affrontare queste difficoltà. Nell’assegnare i nostri simbolici “Oscar” abbiamo volutamente pensato alla vita “normale”, a quella quotidiana di sempre, in tutte le sue articolazioni.

Perché è scontato che, a guardare invece la realtà straordinaria provocata dal Covid 19, il primo, vero e unico titolo di “Ascolano dell’anno” avrebbe avuto un vincitore scontato: gli operatori della sanità, dai medici agli infermieri, a tutto il personale che opera negli ospedali e anche fuori, ai dirigenti dell’Area Vasta 5, che si sono assunti un carico di lavoro e di responsabilità enorme. Sì, certamente loro sono stati i principali protagonisti positivi, veri eroi, sacrificandosi con tutte le proprie forze.

Gian Luca Gregori

GIAN LUCA GREGORI

Gian Luca Gregori, 59 anni, dal primo novembre 2019 è entrato in carica quale Rettore dell’Università Politecnica delle Marche. E’ stato eletto con il 94% dei consensi tra docenti, personale tecnico amministrativo e rappresentanti degli studenti. Prima ricopriva il ruolo di Pro Rettore oltre che di docente di Marketing e Business Marketing. La città di Ascoli non aveva mai avuto un Rettore d’Università.

Lui rappresenta i saperi del Piceno indispensabili per favorire la ripresa economica e il rilancio sociale del territorio che punta, deve puntare, anche sull’incremento della presenza universitaria. Un esempio di dedizione allo studio e di talento. Gian Luca Gregori è soprattutto un profondo conoscitore del sistema economico marchigiano e piceno in particolare. Le sue analisi sono sempre rigorose e illuminanti per trovare nuovi indirizzi di sviluppo ed evitare errori e stagnazioni del passato. Auguriamoci che la Politica lo “sfrutti” a dovere. Il nuovo Rettore della Politecnica delle Marche è entrato nel Gotha del mondo universitario. Insomma orgoglio Ascoli.

Gli “Angeli del bello” all’opera

GLI ANGELI DEL BELLO

Nel mondo del volontariato ascolano, per la verità da sempre molto ricco e generoso, è nata nel 2018 l’associazione degli “Angeli del bello” su iniziativa di alcuni innamorati pazzi della città a cominciare da Gianni Silvestri già motore di “Ascoli Nostra”.

Hanno costantemente incrementato la loro attività in una meritoria battaglia quotidiana contro le scritte e gli assalti vari dei vandali che minacciano la bellezza architettonica del centro storico di Ascoli valore assoluto. Loro ripuliscono (professionalmente, non da dilettanti, da notare) e ripuliscono, riportano il bello in luoghi deturpati da vandali senza testa e senza cuore. Oggi sono oltre un centinaio gli aderenti all’associazione.

Nel corso del 2020 la loro attività è aumentata nonostante il Covid. Almeno un centinaio gli interventi. Il più significativo? Il restyling di piazza San Tommaso dove hanno provveduto non solo a ripulire ma anche a sostituire il portone indecoroso (di tavolato) della monumentale Chiesa. E una ne fanno e cento ne pensano. In collaborazione con il Comune, con l’aiuto di Fondazione Carisap e di alcune ditte del settore edile che generosamente non si tirano indietro. Questi “Angeli del bello”, con presidente Luciano Vizioli ex direttore di Confindustria Ascoli, svolgono un lavoro straordinario. Si sono dotati anche di un’apposita macchina in grado di pulire il travertino. Il bello, di questi “belli”, è che loro si sporcano davvero le mani. Angeli del fare materiale. Secondo Cronache Picene meritano un plauso infinito e la riconoscenza di tutta la collettività.

Il maestro Allevi

GIOVANNI ALLEVI

E dulcis in fundo ecco il maestro Allevi. Nell’anno in cui la musica dal vivo si è tristemente spenta, il compositore classe 1969 non ha perso la solita inventiva. Dopo la pubblicazione del disco “Hope”, avvenuta a fine 2019, lo stop al tour promozionale e un momento di comprensibile smarrimento.

Poi eccolo di nuovo in pista. Si parte con le dirette sui social (terreno per lui inedito) in cui parla di musica classica e filosofia, sempre con piglio, raggiungendo consensi (forse) inaspettati. Poi arrivano un nuovo libro “Revoluzione. Innovazione, follia e cambiamento” e il brano di piano solo “Back Home”, composto per la sua Ascoli a tratteggiare uno spot promozionale ideato per promuovere le cento torri.

Ma non finisce qui. Perchè a coronare questo anno a dir poco “strano” arriva “Allevi in the jungle”: una docuserie in cui il Nostro gira l’Italia alla scoperta dei talenti e degli artisti di strada, in onda su RaiPlay.

Tra le tappe, ovviamente, non poteva mancare la città dove è nato, in cui ha registrato una delle puntate della trasmissione ad inizio dicembre.

Ormai da più di 20 anni Allevi porta la sua arte in giro per il mondo, con gentilezza, tatto e riservatezza, caratteristiche sempre più rare al giorno d’oggi. Ma soprattutto senza mai dimenticare le sue radici.

L’ALBO D’ORO DI CRONACHE PICENE

2017: Michele Franchi – Diego Della Valle – Dario Faini – Riccardo Orsolini

2018: Giuliano Tosti – Fabrizio Pasquali – Coro Ventidio Basso

2019: Tullio Pericoli – Sabella Spa – Stefano Travaglia

2020: Gian Luca Gregori – Gli Angeli del bello – Giovanni Allevi

“Ascolani dell’anno 2019” di Cronache Picene: Tullio Pericoli, Sabelli Spa, Stefano Travaglia

“Gli ascolani dell’anno” del 2018: Giuliano Tosti, Fabrizio Pasquali e il Coro Ventidio Basso


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X