Quantcast
facebook rss

«Aborto, l’assessore Latini minacciata
e oggetto di un violento attacco»

IL GOVERNATORE Acquaroli condanna uno dei cartelli comparsi ieri a Macerata durante l'azione dimostrativa davanti ai consultori in cui era scritto "La storia ce lo insegna: andiamo a bruciargli la casa". La diretta interessata commenta: «Sono espressioni che non si addicono a persone che hanno a cuore la libertà delle donne». I messaggi di solidarietà
...

post-acquaroli

Il post di Acquaroli

 

«Esprimo vicinanza e sostegno all’assessore Giorgia Latini, oggetto di questo violento attacco, solo per aver espresso la sua legittima e personale opinione in merito alla difesa della vita e al sostegno alla maternità. Condanno e rifiuto questa violenza verbale che da molti anni non apparteneva al dibattito nella nostra regione. Si possono avere legittimamente opinioni divergenti, senza però mai scadere nelle minacce».

striscioni-aborto-latini

Il cartello comparso ieri

Sono le parole del governatore Francesco Acquaroli, che condanna uno dei cartelli apparsi nell’azione dimostrativa di ieri per il diritto all’aborto.

Le reti per i diritti delle donne marchigiane hanno appeso degli striscioni davanti ai consultori in diverse città della regione, e a Macerata in uno di questi era scritto “La storia ce lo insegna: andiamo a bruciargli la casa”. Per il presidente della Regione si tratta di una minaccia rivolta nei confronti dell’assessore Giorgia Latini, già al centro delle polemiche per aver manifestato la volontà di rivedere le linee guida ministeriale sulla somministrazione della Ru486 nei consultori. Da qui la condanna del gesto e la vicinanza espressa alla Latini. «Le parole, irricevibili, dell’assessora Latini  – aveva scritto “Non una di meno Macerata” – hanno evidenziato qualcosa che a noi era già molto chiaro: il corpo delle donne continua ad essere terreno di propaganda e di cattive narrazioni, a scapito del nostro diritto di scelta, come capacità di decidere di sé e come tutela della nostra salute, sessuale e riproduttiva. Ci piacerebbe poter dire all’assessora che i consultori non si toccano, che l’aborto farmacologico deve essere garantito (soprattutto in un momento pandemico), che questa giunta regionale sta cercando di demolire le virtuose esperienze consultorie e ambulatoriali marchigiane».

giorgia-latini

Giorgia Latini in Consiglio regionale

La risposta di Giorgia Latini al cartello: «Sono espressioni che non si addicono a persone che hanno a cuore la libertà delle donne, visto che incitano violenza contro una donna. Ho già ribadito in consiglio che ognuno è libero di scegliere secondo coscienza, ma quando la scelta di abortire è condizionata da mancato sostegno psicologico e da problemi economici, le istituzioni e la società non possono abbandonare la donna in difficoltà e devono fare di tutto per sostenere la maternità e la vita tutelando la salute della donna. Ho ribadito anche che ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero qualora questo non scada in insulti e minacce come è accaduto nei miei confronti. A tutti coloro che nutrono questi sentimenti di odio rivolgo la mia preghiera affinché nei loro animi venga lasciato spazio all’amore verso il prossimo e al rispetto reciproco».

Messaggi di solidarietà a Giorgia Latini sono giunti anche da Jessica Marcozzi, capogruppo regionale di Forza Italia, e da Elena Leonardi (Fratelli d’Italia), consigliera regionale e presidente della IV Commissione sanità e politiche sociali.
Jessica Marcozzi: «Come donna, prima ancora che come Capogruppo regionale FI, esprimo piena solidarietà all’assessore Giorgia Latini che è stata oggetto di minacce solo per aver espresso la sua opinione in merito alla maternità. La libertà di pensiero, anche ovviamente sull’interruzione di gravidanza, è alla base della Democrazia. E quindi le minacce, già fatto inaccettabile, assumono una gravità ulteriore perché, oltre ad essere rivolte a una persona, una donna, un’esponente dell’istituzione regionale, collidono con quello che è un principio inviolabile: la libertà di pensiero, di espressione, appunto».
Elena Leonardi: «Da donna e da rappresentante delle Istituzioni esprimo vicinanza e sostegno all’assessore Giorgia Latini oggetto ieri di gravi ed inaccettabili minacce per aver espresso la propria personale e legittima posizione riguardo la maternità e la tutela della vita. Ognuno è libero di avere le proprie opinioni in merito all’interruzione di gravidanza ma la legge 194 è chiara quando parla di superamento delle cause di ordine sociale ed economico che portano a scegliere l’aborto, per questo è un dovere delle Istituzioni sostenere le donne in difficoltà perchè quella non diventi una scelta obbligata. Auspico una condanna unanime delle minacce da parte di tutto il mondo politico, il confronto legittimo non deve scadere in minacce ed insulti».

«La Regione arretra, le donne avanzano» La battaglia per il diritto all’aborto

«Sono riuscita ad abortire con la pillola solo perché ho tirato fuori le unghie Nelle Marche qualcosa non va»

Aborto, la Regione sfida il ministero: «I consultori luoghi di assistenza non di somministrazione della Ru486»

Aborto, altra sferzata alla Latini Ascolto & Partecipazione: «Non può utilizzare così il ruolo pubblico»

Aborto, l’attacco dei 5 Stelle: «Acquaroli prenda le distanze dall’assessore Giorgia Latini»

Aborto, tuona Italia Viva: «La Latini fa regredire le Marche di 50 anni»

Aborto: il Pd si scaglia contro l’assessore Giorgia Latini


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X