Quantcast
facebook rss

Ascoli, il ritorno inizia dal Brescia:
occhi puntati sulla sfida Sottil-Dionigi

SERIE B - Al via la seconda parte del campionato. Bianconeri chiamati a portare avanti l'impresa salvezza contro colui che la scorsa stagione ne fu l'artefice. Il tecnico conferma il 4-3-1-2 con Sabiri e Dionisi probabilmente titolari. L'allenatore delle rondinelle: «E' una sfida speciale, non sono più quelli di inizio campionato». Arbitra Camplone, calcio d'inizio alle 14
...

Sottil e Dionigi

di Salvatore Mastropietro

Inizia il girone di ritorno ed il calendario mette subito l’Ascoli di fronte ad una sfida di grande importanza. Il trend positivo inaugurato con l’approdo di Andrea Sottil in panchina deve essere consolidato per permettere ai bianconeri di tirarsi fuori dalla palude dell’ultima posizione in classifica. Il pareggio ad occhiali raccolto la settimana scorsa contro il Chievo ha dato continuità alle prestazioni precedenti, ma la mancanza di finalizzazione offensiva si è fatta sentire. Casca a pennello in questo senso l’arrivo di Federico Dionisi dal Frosinone, che assieme ad altri nuovi acquisti come Bidaoui e Simeri proverà a fornire fin da subito il proprio contributo dal punto di vista dell’esperienza e dei gol.

Andrea Sottil

Di fronte l’Ascoli troverà un avversario avvelenato come il Brescia dell’ex Davide Dionigi. I lombardi ci tengono a riprendersi dopo un periodo non positivo in cui sono arrivate quattro sconfitte nelle ultime cinque partite. La partita assume un valore speciale anche per il tecnico emiliano. La burrascosa separazione ad agosto con i vertici societari bianconeri ed il suo successivo rifiuto ad un ritorno sulla panchina bianconera sono degli elementi che riscaldano ancora di più la vigilia di un match importante da entrambe le parti.

QUI ASCOLI – Mister Sottil ha potuto sfruttare un’intera settimana di lavoro per preparare la partita di domani contro il Brescia. Il tecnico 47enne ha potuto anche lavorare sui nuovi acquisti, che si stanno via via integrando al meglio nel gruppo bianconero. Gli ultimi arrivati, Danzi e Dionisi, si sono presentati in buone condizioni e sono da considerarsi pronti. Anche tutti gli altri (Bidaoui, Stoian, Simeri, D’Orazio e Pinna) sono ormai pronti per essere presi in considerazione dal punto di vista fisico e tecnico. Da aggiungere a ciò una buona notizia arrivata dall’infermeria come il recupero di Sabiri ed una cattiva come il forfait di Cangiano (per un problema muscolare, pare).

Dionisi pronto al debutto

Sottil darà continuità al 4-3-1-2 visto all’opera nelle partite disputate fin qui sotto la sua gestione. Davanti all’inamovibile Leali, senza le cui parate l’Ascoli avrebbe raccolto nel girone d’andata un bottino addirittura peggiore, sembra andare verso la conferma la linea a quattro vista contro il Chievo con Pucino e Kragl ai lati di Brosco e Quaranta. A centrocampo per questioni numeriche il centrocampo sarà composto da Buchel, Eramo e Saric. I ballottaggi riguardano il reparto offensivo. Sulla trequarti il tecnico piemontese deve valutare se affidarsi a Sabiri o a Bidaoui. In avanti, invece, al fianco di Bajic si giocano il posto Dionisi e Simeri (con l’ex Frosinone in vantaggio).

Cangiano out per infortunio

Anche stavolta sono diverse le esclusioni per scelta tecnica di calciatori in attesa di sistemazione sul mercato. Ai soliti Spendlhofer, Cavion e Vellios – per citarne alcuni – si è aggiunto anche Tupta. L’unico indisponibile è Cangiano, mentre per il resto sono 23 i convocati a disposizione di Sottil: Leali, Maresca, Sarr, Avlonitis, Brosco, Corbo, D’Orazio, Kragl, Pinna, Pucino, Quaranta, Buchel, Danzi, Eramo, Sabiri, Saric, Bajic, Bidaoui, Chiricò, Dionisi, Pierini, Simeri, Stoian.

QUI BRESCIA – Le recenti sconfitte hanno lasciato più di qualche strascico in casa Brescia. Anche il mercato, con la partenza dei leader Sabelli e Torregrossa, non ha agevolato mister Davide Dionigi, che proprio su di loro aveva puntato molto nel primo positivo periodo sulla panchina delle rondinelle. Da domani, però, la speranza è quella cambiare passo. Sebbene gli obiettivi dei lombardi siano stati ridimensionati dal patron Cellino in una salvezza tranquilla, il Brescia spera di acciuffare comunque quantomeno la zona playoff, attualmente distante 7 lunghezze.

Davide Dionigi

Nella conferenza prepartita Dionigi è partito proprio dall’impresa salvezza della scorsa stagione sulla panchina dell’Ascoli: «Per me è una sfida speciale nel senso che devo sempre ringraziare la città per quello che mi ha dato e per tutto quello che ho vissuto con loro. Quando, però, si entra in campo bisogna concentrarsi su quello e ottenere i tre punti. L’Ascoli non è quello di inizio stagione ed è senza dubbio una squadra insidiosa: lo dicono i numeri, col cambio di allenatore ha avuto una scossa. Credo sia prematuro parlare in questo momento di sfida salvezza, manca ancora tutto il girone di ritorno. Sicuramente è una sfida importantissima perché ci permetterebbe di iniziarlo nella maniera giusta».

Questi tutti i calciatori convocati da Dionigi per Ascoli: Joronen, Karacic, Mateju, Chancellor, van de Looi, Zmrhal, Donnarumma, Mangraviti, Ghezzi, Ayé, Labojko, Ragusa, Jagiello, Bisoli, Martella, Dessena, Verzeni, Fridjonsson, Papetti, Andrenacci.

LE PROBABILI FORMAZIONI

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pucino, Brosco, Quaranta, Kragl; Eramo, Buchel, Saric; Sabiri; Bajic, Dionisi. Allenatore: Sottil.

BRESCIA (3-4-1-2): Joronen; Papetti, Chancellor, Mangraviti; Karacic, Bisoli, Van de Looi, Martella; Jagiello; Donnarumma, Ayè. Allenatore: Dionigi.

Arbitro: Camplone di Pescara (assistenti Ruggieri di Pescara e Della Croce di Rimini, quarto ufficiale Meraviglia di Pistoia).

Stadio: Del Duca, ore 14.

Sottil e il Brescia: «La posta in palio è alta, Dionisi e Bidaoui voluti fortemente»

Serie B: via alla parabola discendente


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X