Quantcast
facebook rss

Sottil e il Brescia: «La posta
in palio è alta, Dionisi
e Bidaoui voluti fortemente»

SERIE B - Il tecnico bianconero ha presentato la gara di domani contro i lombardi dell'ex Dionigi: «Dobbiamo dare continuità alle prestazioni. Mi aspetto una gara molto intensa. Contento dei rinforzi, anche Danzi è un ottimo profilo. Con il rientro di Sabiri si alza la qualità»
...

di Salvatore Mastropietro

Giornata di vigilia in casa Ascoli. Domani, sabato 30 gennaio alle ore 14, i bianconeri ospiteranno al “Del Duca” il Brescia di Davide Dionigi. La sfida aprirà un girone di ritorno, che per il Picchio – dopo un’andata conclusa all’ultimo posto – dovrà rappresentare qualcosa di completamente opposto rispetto a quanto fatto vedere soprattutto sotto le gestioni Bertotto e Rossi. Mister Andrea Sottil spera di continuare il percorso di crescita cominciato dal suo approdo  in panchina ormai più di un mese fa. Il tecnico 47enne ha sottolineato proprio questo aspetto in sede di presentazione del match: «Dobbiamo dare continuità alla prestazione, questa è la cosa più importante, i risultati passano sempre attraverso le prestazioni. La squadra sabato ha giocato un’ottima gara, è mancato il gol, in settimana abbiamo lavorato sugli aspetti da perfezionare, i ragazzi sono molto determinati a ripetere e migliorare la performance individuale e di squadra per andare a prendere punti pesanti per il prosieguo del nostro percorso».

Sottil

L’Ascoli, che ritroverà da avversario il tecnico Dionigi, affronterà un Brescia reduce da tre sconfitte consecutive e per questo voglioso di tornare a far punti: «Il Brescia è l’ennesima corazzata, una squadra blasonata, che ha l’obiettivo di vincere il campionato, nelle ultime partite non ha fatto punti, ma questo non ci deve riguardare, dobbiamo pensare a noi e a quello che dovremo fare per mettere l’avversario in difficoltà dall’inizio alla fine. Dobbiamo migliorare gli aspetti che in settimana abbiamo rivisto, analizzato e allenato. Mi aspetto una gara molto intensa, battagliera e agonistica, la posta in palio è alta, ma dovremo essere lucidi, pragmatici e anche spensierati per scendere  in campo con l’unico obiettivo di vincere la partita».

Dionisi pronto al debutto

Un Ascoli che in settimana si è ulteriormente rinforzato con gli innesti di Dionisi e Danzi: «Dionisi non ha bisogno di presentazioni, è un calciatore importante per la categoria, un bomber, ha sempre segnato tanti gol, è un leader, di grandi qualità tecniche, oltre che di spessore e personalità. Danzi è un ottimo profilo, lo abbiamo voluto io e il Direttore, è pronto fisicamente, è reduce da un percorso con Juric, che conosco bene, è un mio amico e so come lavora. Danzi può ricoprire più ruoli in mezzo al campo, è molto duttile, può fare il play, la mezzala, il mediano, mi ha fatto un’ottima impressione, ma ne eravamo certi. Dionisi è un giocatore che abbiamo voluto fortemente per migliorare il reparto d’attacco, che è molto competitivo, è stato sempre il primo nome della lista, insieme a Bidaoui. Quest’ultimo l’anno scorso ha vinto il campionato, è un giocatore molto duttile; Dionisi è invece il leader che cercavamo là davanti, si è presentato discretamente bene a livello di condizione, non ha fatto molti esercizi con la palla, essendo in uscita da Frosinone, ma lo abbiamo visto bene, deciderò domani se impiegarlo subito. La cosa importante che dico sempre ai ragazzi è che, soprattutto con i cinque cambi, tutti devono essere coinvolti e devono sentirsi importanti, perché importanti lo sono, indipendentemente dalle scelte che farò».

Sabiri torna a disposizione

Il tecnico bianconero potrà contare anche sul rientro di Sabiri: «Sabiri è di nuovo a disposizione, è un giocatore che alza la qualità dell’ultimo passaggio, del tiro in porta, della finalizzazione, anche Dionisi stesso e Bidaoui alzano il livello, sono bravi nell’ultimo passaggio, nell’uno contro uno e anche nel battere a rete. In settimana abbiamo lavorato molto sulle fasi di attacco, sulle conclusioni, quindi sono convinto che anche con l’arrivo di Dionisi e il rientro di Sabiri la qualità aumenta».

Bidaoui

Fra pochi giorni il calciomercato chiuderà e Sottil potrà lavorare senza distrazioni di sorta: «Non vedo l’ora, per me è un periodo antipatico, devi allenare o far giocare – come è capitato con Gerbo – calciatori che il giorno dopo se ne vanno. Comunque devo ringraziare tutti quelli che sono stati qui, hanno sempre dimostrato grande professionalità. Finalmente la settimana prossima si delineerà il gruppo definitivo da guidare fino al 7 maggio e questo ci permetterà di compattarci ancora di più, di conoscerci meglio e anche i giocatori stessi si rasserenano perché sanno di restare all’Ascoli fino a fine stagione. Non ci sono mai interessati e non ci interessano calciatori distratti o che non vogliono restare all’Ascoli, al di là di come si chiamino. I giocatori arrivati li abbiamo scelti, oltre che per le qualità tecniche, anche in base allo spessore umano e alla voglia di venire qui per centrare l’obiettivo. Stesso discorso per quelli che restano, hanno dimostrato e dimostrano quotidianamente di avere la voglia e la determinazione per centrare l’obiettivo. Degli altri qualcuno è andato via, qualcun altro può darsi che andrà via».

Ascoli, Sottil con il gruppo al completo Anche Tupta potrebbe diventare un ex Fa discutere la designazione di Camplone


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X